"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Arzaga – Un quartiere moderno e la scomparsa di una cascina antica

Zona_Arzaga_Aerea

Arzaga, per molti è solo il nome di una via, anche se in teoria comprendeva tutta la zona oggi più famosa col nome di Primaticcio (la stazione della metropolitana detta legge). Qui, fino agli anni Sessanta resisteva una delle cascine più importanti della zona ad ovest di Milano. La Cascina Arzaga era di origini antiche, forse quattrocentesche, ed era il punto di riferimento per tutto il Contado di Porta Vercellina. Si trovava nella campagna tra Milano, Baggio e Lorenteggio, e si presentava con una veste neogotica abbastanza inusuale per una cascina. La fronte era molto ampia ed era in mattoni con ai lati le due ali in pietra. Un grande barcone a sesto acuto consentiva l’accesso, come in una grande castello medievale. Il palazzo era a forma di U e l’ampia corte era occupata per tre lati da una loggia a grandi archi acuti dimezzati nella loro altezza in modo da consentire l’uso ad abitazioni civili, mentre il lato aperto verso la campagna era chiuso da una chiesetta ottagonale. A lato si trovava un’altra corte dove si trovavano le stalle. Si trattava di una stupenda cascina dall’importanza architettonica che non bastò a renderla immune dalle ruspe che una notte a metà degli anni ’60, venne abbattuta, provocando grandi proteste da parte della cittadinanza: un’altra vittima illustre “sacrificata” all’espansione frenetica della città nel periodo del cosiddetto “boom economico”. Peccato, almeno questa cascina la si poteva salvare.

Cascina_Arzaga_1

Alcune immagini della cascina Arzaga degli anni Sessanta

Cascina_Arzaga_2 Cascina_Arzaga_3 Cascina_Arzaga_4 Cascina_Arzaga_5 Cascina_Arzaga_6

Infatti la città si allargò in poco tempo, invadendo e cancellando definitivamente quest’area rurale fatta di fontanili, rogge, campi e prati.

Il nome di Via Arzaga è quanto rimane a ricordo della cascina, e taglia il quartiere da sta a ovest, intersecando Viale San Gimignano partendo da Via Bartolomeo D’Alviano e finendo in Via Primaticcio. La zona è anche conosciuta come Quartiere Ebraico, data la presenza di una numerosa comunità ebraica.

Cascine2_Arzaga

In lilla la trama della viabilità odierna

Le architetture prettamente residenziali che sorsero ci hanno regalato un quartiere tutto sommato ben strutturato, fatto per le famiglie e immerso nel verde. A dire il vero mancano luoghi di aggregazione, come piazze o parchi, anche se di verde ce n’è in abbondanza, ma quasi tutto privato, chiuso nei cancelli dei molti condomini.

Al centro del quartiere possiamo dire che c’è la piazzetta dedicata ai Santi Patroni D’Italia, dove sorge la parrocchiale moderna e dove sorgeva il lato meridionale della cascina. Peccato che la piazzetta sia un brutto parcheggio e quindi non funga da piazza fulcro del quartiere, ma serva solo come parcheggio vetture. Noi abbiamo fatto un piccolo rendering per vedere l’effetto che farebbe una volta liberata dalle auto e resa pedonale.

Arzaga_Quartiere_16A

Arzaga_Quartiere_16B

2016-04-10_Arzaga_15 2016-04-10_Arzaga_16 2016-04-10_Arzaga_19 Arzaga_Quartiere_15 2016-04-10_Arzaga_14 Arzaga_Quartiere_12 Arzaga_Quartiere_13 Arzaga_Quartiere_17 Arzaga_Quartiere_18

La parrocchia Santi Patroni d’Italia.

Nel 1960 l’Arcivescovo di Milano Cardinale Montini (il futuro Papa Paolo VI ), volle che i padri francescani del Terzo Ordine Regolare ritornassero nella metropoli lombarda da dove furono costretti a partire per le soppressioni austriache del 1780 e affidò loro l’erezione della parrocchia dei Santi Patroni d’Italia, nel costruendo quartiere Arzaga. La chiesa venne edificata a partire dal 1965 e nel frattempo venne utilizzata una baracca in legno.

Arzaga_Chiesa_baracca_1 Arzaga_Chiesa_baracca_2

Opera dell’architetto milanese Antonello Vincenti, la chiesa è a forma di tenda con cuspide piramidale di 45 metri, al cui interno si trovano sei campane collocate in verticale ed è è preceduta da un pronao a pensilina. A causa dell’esiguità dell’area, la chiesa risulta un po’ troppo addossata all’edificio che accoglie le opere parrocchiali. L’interno, con muri perimetrali bassi e larga copertura a falde, richiama gli elementi a spicchi di una tenda; la luce proviene da tagli verticali nei muri perimetrali e da una ampia vetratura nella torre campanaria a sezione triangolare posta sopra l’altare. Da notare il pregevole effetto ottico prodotto dalle due colonne che insieme alle travi di sostegno del campanile formano la lettera “M”, iniziale del nome di Maria.

2016-04-10_Arzaga_17

2016-04-10_Arzaga_18 2016-04-10_Arzaga_21 2016-04-10_Arzaga_22 2016-04-10_Arzaga_28 2016-04-10_Arzaga_29 2016-04-10_Arzaga_30 Santi Patroni d'Italia_1 Santi Patroni d'Italia_2

Le seguenti foto della chiesa sono di tommolo

2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_1 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_2 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_3 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_4 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_5 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_6 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_7 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_8 2016_Arzaga_Santi_Patroni_Italia_9

Alcune immagini dal giro effettuato attorno al quartiere e con l’aiuto di StreetView.

Partendo dal verdeggiante Viale San Gimignano, dobbiamo dire che anche qui, nonostante lo spazio, i marciapiedi sono usati come parcheggi in alcuni punti o le aiuole sono selvagge, insomma, manca un po’ di disegno generale. Al numero 19 della via troviamo un palazzo particolare, si tratta della Scuola Beato Angelico – Fondazione di Culto, un istituto, che istituito nel 1921 da Mons. Giuseppe Polvara (sacerdote della Diocesi di Milano, pittore e architetto), si propone di divulgare la conoscenza, la conservazione, la valorizzazione, l’aggiornamento e lo sviluppo del patrimonio artistico e artigianale a servizio della liturgia della Chiesa Cattolica.

Il viale presenta al centro una grande aiuola che funge anche da lunga lingua verde con panchine e aree per i cani.

2016-04-10_Arzaga_1 2016-04-10_Arzaga_2 2016-04-10_Arzaga_3 2016-04-10_Arzaga_4 2016-04-10_Arzaga_4B 2016-04-10_Arzaga_5 2016-04-10_Arzaga_6 2016-04-10_Arzaga_7 2016-04-10_Arzaga_8 2016-04-10_Arzaga_9 2016-04-10_Arzaga_10 2016-04-10_Arzaga_11 2016-04-10_Arzaga_12 2016-04-10_Arzaga_13 2016-04-10_Arzaga_20 2016-04-10_Arzaga_27 Arzaga_Quartiere_1

Via Arzaga è anche il fulcro della comunità ebraica, specie nel tratto verso via D’Alviano.

Arzaga_Quartiere_2 Arzaga_Quartiere_3 Arzaga_Quartiere_4 Arzaga_Quartiere_5 Arzaga_Quartiere_6 Arzaga_Quartiere_7 Arzaga_Quartiere_8 Arzaga_Quartiere_9 Arzaga_Quartiere_10 Arzaga_Quartiere_11 Arzaga_Quartiere_14 Via_Primaticcio_LOreal

 

Spicca tra le architetture della zona il palazzo all’angolo tra Via Gio’ Ponti e Via Marcello Nizzoli progettato negli anni Novanta degli architetti G. Mario Oliveri, Paolo Viola e Giusi Giuliani. Si tratta di uno dei pochi edifici rimasti del periodo postmodernista, famoso per utilizzare elementi classicheggianti rivisitati in chiave moderna. La presenza dell’enorme timpano arancione con le figure classicheggianti di due fanciulle che versano da un’enorme giara l’acqua sull’ingresso corniciaio dallo stesso colore. L’effetto dell’insieme è decisamente esuberante anche se nel complesso, come tutte le opere dell’epoca, non ci pare un capolavoro.

2016-04-10_Arzaga_31 2016-04-10_Arzaga_31B 2016-04-10_Arzaga_31C

 

Info @ storiedimilano – santipatroni – scuolabeatoangelico

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


4 thoughts on “Milano | Arzaga – Un quartiere moderno e la scomparsa di una cascina antica

  1. Anonimo

    La cascina abbattuta era notevole e di pregio architettonico.. Andiamo avanti così a farci del male.. ma anche oggi le cascine non sono al sicuro!

    1. Anonimo

      sì la cascina fu abbattuta con le ruspe nottetempo dai palazzinari… io ero una bambina che passava di lì per andare al catechismo… eppure avevo notato quanto fosse bella! E ci rimasi malissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.