"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona San Babila – L’Apple Store e il Palazzo Tarsis

Palazzo Tarsis? Molti non sanno neppure dove o cosa sia, eppure è il più vecchio palazzo di Corso Vittorio Emanuele, unico superstite dell’elegante e antica Corsia dei Servi (vecchio nome del corso). Si tratta di un elegante palazzo neoclassico del 1838 eretto per volere del conte Paolo Tarsis dall’architetto Luigi Clerichetti, realizzato di fronte alla scomparsa chiesa di San Paolo in Compito (di cui rimane il nome nella via San Paolo) e distrutto internamente dai bombardamenti del 1943. Il palazzo si affaccia in parte anche su Piazza del Liberty e a sollevare le perplessità ora ci si sono messi anche gli eredi della famiglia Tarsis, proprietari del palazzo.

Come riportato dal Corriere della Sera, la perplessità è che il nuovo parallelepipedo in vetro dell’Apple Store possa impallare la vista sul palazzo. Noi abbiamo provato a fare qualche ricostruzione sulla base dei dati un poco confusionari che ci sono pervenuti. Abbiamo visto che il progetto dello studio di Norman Foster ha previsto una leggera scalinata al centro della piazza del Liberty che all’occasione può trasformarsi in arena cinematografica per proiezioni o teatro all’aperto. Parlano sempre di due cubi, ma noi ne abbiamo visto uno solo, un parallelepipedo posto tra due fontane a getto alto circa 7 metri e che sarà l’accesso principale per scendere nel sottostante negozio ricavato dove si trovavano le tre sale del cinema Apollo.

apple-store-piaza-liberty2016-11-09_apple_store_piazza_liberty_2

piazza_liberty_apple_palazzo_tarsis_1

apple_store_liberty_piazza_a apple_store_liberty_piazza_b

Ecco altre prove con il parallelepipedo e le fontane, attivate e disattivate e il loro impatto con il palazzo Tarsis.

piazza_liberty_apple_palazzo_tarsis_2a2016-11-09_apple_store_piazza_libertya2016-11-09_apple_store_piazza_libertyb piazza_liberty_apple_palazzo_tarsis_2b piazza_liberty_apple_palazzo_tarsis_2c

piazza_liberty_apple_store_4 piazza_liberty_apple_store_2

Alcuni rendering dal Corriere della Sera

apple_store_liberty_arena_cinema

apple_store_liberty_fontana apple_store_liberty_spaccato

 

Palazzo Tarsis negli anni 50 quando si ricostruì il Corso

Palazzo Tarsis negli anni 50 quando si ricostruì il Corso

 

palazzo_tarsis

palazzo_tarsis_attico_e_statue palazzo_tarsis_loggiato




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


11 thoughts on “Milano | Zona San Babila – L’Apple Store e il Palazzo Tarsis

      1. robertoq

        Che la Soprintendenza non sia competente (salvo che se si parla di reperti di mosaici tardo Fenici) me ne sono accorto… 😉

        Ma secondo me anche se Piazza Liberty è privata, voce in capitolo ce l’avrebbe (volendo).

  1. Emanuele Tarsis

    Purtroppo la fontana, entrata dello Store, e’ alta 8 metri e lunga 16 e coprire’ ben più’ di quanto da voi rappresentato. Un intervento sproporzionato allo spazio offerto dalla piazza che lascerà’ Palazzo Tarsis dietro alle quinte del teatro di Piazza Liberty.

  2. Est71

    una follia concedere quello spazio. Se la Soprintendenza con è competente per il sedime di Piazza del Liberty lo sarà pure per valutare l’impatto che una nuovo manufatto su terreno privato provoca ai danni di un edificio di interesse storico che affaccia sulla pubblica via (nella fattispecie via San Paolo).

    In definitiva Apple deve per forza erigere cubi in giro per il mondo! non può accontentarsi di un bel negozio come ce ne sono tanti? e se la risposta è positiva che si cambi location o che concedano in sponsor il cubo dedicato a Pertini con buona pace del Presidente e di Steve (è una provocazione). Questa piazza va bene così

  3. max.rox

    Secondo me dovevano sfruttare Apple per migliorare un largo o una piazza centrale di Milano in cattivo stato manutentivo
    piazza liberty era già perfetta così

    1. wf

      Vero.
      Però se metti la sera fanno proiezioni di film, documentari, video e altri eventi magari potrebbe essere un bel guadagno per una zona che tendenzialmente dopo le 21 è morta.
      Speriamo.

      1. Lorenzo lamas

        Su questo non ti seguo proprio.
        Se l’intervento deturpa, e questo deturpa a detta di tutti, chissenegrega dei film, documentari o mazzi vari.
        Non c’è guadagno salvo quello di Apple. Rendi pure viva una piazza morta ma non la sfregiare.
        Un bel tagada’, un calcinculo con codino e gli autoscontri sai quanta gente ti porta? Fiocinate di pippol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.