"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Quei nani da giardino… metropolitani

Piazzale Oceania, Catania. A due passi da piazza Europa e da viale Jonio: un’area prospiciente il mare, in particolare il porticciolo turistico Rossi, il Caìto, nei pressi della stazione Galatea della metropolitana e della futura stazione Europa del passante ferroviario urbano. Un tempo anche ricca di palme, oggi purtroppo decimate (ma non è una novità, a Catania) dal punteruolo rosso. Un’area, dunque, di potenziale pregio, area pedonale estesa e ricca di verde (sulla carta), dove poter fare una piacevole sosta durante le passeggiate lungo la costa. E in effetti, carenza di decoro urbano a parte, non è che sia messa poi così male, anche se spicca l’assenza di illuminazione notturna, grave pecca: fino a qualche anno fa era garantita da molti paletti-punti luce, ormai scomparsi o non funzionanti. Speriamo che venga ripristinata quanto prima.

Ma salta all’occhio una “presenza” particolare: una quindicina di dissuasori, che qualche street artist ha decorato e pitturato di vestiti e volti, sono sparsi qua e là, inutilmente. In una città dove sono diffusissimi sosta selvaggia e accesso illecito alle zone pedonali o a traffico limitato, appare uno spreco: perché non prenderli e ricollocarli dove ce n’è bisogno? Via San Giuseppe al Duomo, via Crociferi, via Zolfatai, marciapiedi di Corso Italia, e chi più ne ha più ne metta: c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Oltre che in piazzale Oceania, alcuni dissuasori sono posti nel tratto di spartitraffico che fu demolito in viale Africa, a poca distanza, quando fu aperta la svolta in concomitanza dei cantieri metro di piazza Galatea.
Uno squarcio che non ha più motivo di esistere: dovrebbe essere ripristinato lo spartitraffico arredato a verde con le banchine laterali.

Una sorpresa: tra marciapiede e isola ecologica sono nate spontaneamente delle palme del tipo Washingtonia. È chiaro che qui non hanno futuro, gli operai del comune potrebbero prelevarle con cautela per ripiantarle nelle aiuole, oggi così spoglie, distanti appena pochi metri. Sarebbe un’operazione semplice, veloce e a costo zero.

Il Comune è stato da noi informato, attraverso gli uffici competenti, sia riguardo i dissuasori che riguardo le palme: attraverso questo post, inoltre, si porterà a conoscenza anche dell’assenza di impianto di illuminazione funzionante. Auspichiamo quanto prima provvedimenti.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.