"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Monza: finisce l’incubo di Viale Lombardia

Il 3 aprile apre il tunnel di viale Lombardia. Una data storica. Dopo cinque anni di un cantiere che sembrava infinito, con un anno e mezzo di ritardo rispetto al cronoprogramma iniziale, finalmente Anas e Impregilo hanno comunicato la data di fine lavori e l’apertura al traffico dei 2 chilometri scarsi di galleria. Un sospiro di sollievo per gli abitanti dei quartieri di San Fruttuso e di Triante, e per le migliaia di pendolari che ogni giorno percorrono la viabilità di superficie. In questi giorni i tecnici stanno eseguendo i collaudi e le ultime asfaltature delle rampe di accesso al tunnel in entrambe le direzioni. 

Una conquista, costata sacrifici ai residenti e ai commercianti, e pagata la faraonica cifra di 346 milioni di euro, con 118 milioni di extracosti maturati a causa di imprevisti emersi nelle fasi iniziali del cantiere, e un impegno economico per la sola città di Monza di oltre 15 milioni: 12 milioni e 61.200 euro come quota di partecipazione al progetto, 529mila euro come contributo al premio di accelerazione con cui pagare le lavorazioni 24 ore su 24, 7 giorni su 7, oltre a 2,7 milioni per partecipare a coprire gli extracosti. Adesso che il tunnel è pronto, si può iniziare a pensare al tetto, la cui sistemazione «sarà pronta entro la fine di settembre, ottobre», la previsione dell’assessore alla Viabilità, Paolo Confalonieri. Anche se prima Anas e Impregilo dovranno smantellare tutte le strutture del cantiere. Terminati i lavori ci sarà una corsia per senso di marcia, ognuna affiancata da una pista ciclabile reversibile dove dirottare le auto nel caso ci fosse necessità di chiudere la galleria.
Previsti quattro incroci regolati da semafori coordinati tra loro, dotati di radar per il rilevamento del traffico e con tempi variabili negli orari di punta: saranno in corrispondenza degli attraversamenti delle vie Cavallotti e Vittorio Veneto e dei nuovi incroci fra le vie Montelungo-Monte Albenza e Meda-Ticino. Per spezzare ulteriormente il traffico sono previsti anche altri quattro attraversamenti ciclopedonali. A nord e a sud verranno create due grandi rotonde. E dopo la viabilità si dovrà pensare all’aspetto paesaggistico: lunedì prossimo potrebbe essere presentato in Consiglio comunale il progetto affidato all’architetto tedesco Andreas Otto Kipar.  

Da il Giorno






Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.