"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Quell’aria un po’ retrò delle vecchie bancarelle di libri usati

Un tempo a Milano c’erano moltissime edicole/bancarelle di libri usati. Ricordo che spesso vi trovavo dei bellissimi libri. Comprai diversi vecchi numeri del National Geografic, e alcuni fumetti; insomma erano posti preziosi per me come per migliaia di altre persone, dove trovare libri a prezzi contenuti o rarità introvabili altrove.

A memoria ricordo la loro presenza vicino ai caselli di Porta Genova, a Porta Venezia, in piazzale Baracca, in piazza Mercanti, in piazza Cavour, al Cordusio, In Piazza Missori, in Foro Bonaparte, davanti al Tribunale e a Porta Vittoria. In pratica in ogni punto strategico della città.
Si tratta di “edicole” lunghe 4/5 metri per 2 di larghezza, in legno e metallo dipinte in verde, con rotelline, solitamente bloccate perché non si muovano e come tettuccio un ondulato. A grandi linee quelle storiche potrebbero essere degli anni ’20/’30. In alcune il venditore si ripara in un angusto buggigattolo ricavato nella struttura dell’edicola, largo a sufficienza per stare seduti e al riparo dalle intemperie.

Purtroppo ultimamente ne hanno chiuse parecchie, alcune soppiantate da nuove “edicole” oppure trasformate dai nuovi proprietari in negozi da strada che ora vendono cenci di ogni sorta.

Che peccato, anche quest’aspetto un po’ retrò, un po’ bohémien di Milano si sta perdendo. Mi fanno venire in mente i vecchi baracchini che si trovano a Parigi lungo la Senna e che vendono libri o stampe. Spesso ci abituiamo a vedere le cose e non ci rendiamo neanche conto della loro esistenza tranne nel momento in cui spariscono. Preserviamole, almeno quelle storiche.

 

 

Piazzale Baracca2012-12-16+Baracca_1.jpg 2012-12-16+Baracca_2.jpg

 
Piazza Mercanti2013-01-23+13.32.00.jpg 2013-01-23+13.31.06.jpg
 
Corso Genova
2012-11-07+13.59.08.jpg2013-01-22-Edicole-i.jpg
 
 
2013-01-19+10.33.42.jpg

 

Dove si trovano e trovavano:

Piazza Mercanti
Via Case Rotte angolo Piazza Meda, ora vende fiori
Largo Cairoli e Foro Bonaparte, alcune attive, altre chiuse
Porta Genova
Lungo la Darsena, ora rimosse
Largo della Resistenza Partigiana, angolo Corso Genova, ora vende vestiti
Porta Venezia
Via Vitruvio, ora vendono vestiti
Piazzale Baracca
Viale di Porta Vercellina, chiusa?
Piazza Cavour, oramai quasi vuota
Cordusio, ora vende gadget e oggetti in legno
Foro Bonaparte
San Pietro in Gessate davanti al Tribunale
Porta Vittoria
Via Cimarosa, sparito
Piazzale Dateo, ora rimosse
Piazzale Susa
Corso Lodi, all’angolo con via Salmini, sparito
Piazzale Loreto, sul tratto di marciapiede tra via Padova e via Costa, uno vende ancora libri
Piazza XXV Aprile, ora rimosse
Piazza del Tricolore, ora rimosse
Via Ampere, rimossa
Piazza Duca D’Aosta, rimosse
Viale Premuda, rimossa
Via Buonarroti, vende vestiti

 

Di seguito Piazza Oberdan

2013-01-22-Edicole-C.jpg 2013-01-22-Edicole-B.jpg 2013-01-22-Edicole-A.jpg

Piazza Cantore

2013-01-22-Edicole-D.jpg 2013-01-22-Edicole-E.jpg 2013-01-22-Edicole-F.jpg

Piazzale Susa

2013-01-22-Edicole-G.jpg

 

Piazza Missori2013-02-08+13.38.00.jpg 2013-02-08+13.38.30.jpg 2013-02-08+13.38.09.jpg

Porta Vercellina

2013-01-22-Edicole-H.jpg

Loreto

2013-01-22-Edicole-L.png

 

 

 

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Milano | Quell’aria un po’ retrò delle vecchie bancarelle di libri usati

  1. walter

    Come sarebbe bello che i proprietari di quelle bancarelle essendo (vendendo libri)con più scolarità di altri curassero la pulizia delle stesse ritoccando con vernice ad acqua gli schifosi sgorbi che ricoprono le bancherelle stesse.Ma tant’è,che importa degli altri?La sera si chiude baracca e burattini,si torna a casa lasciando ai residenti la visione dello schifo degli sgorbi spray(Tanto i cittadini sono abituati,no?)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.