"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Appunti negativi da Parco Dora

Perché aspettano così tanto ad aprire i lotti chiusi di Parco Dora? Le recinzioni dei lotti ancora “chiusi” cadono da sole o vengono ovviamente abbattute o spostate per entrarci a passeggio:

Nei lotti chiusi la gente entra lo stesso e riempie i cestini (anche se temo siano ancora resti del Kappa FuturFestival tenutosi nei pressi), ma Amiat non ha ancora in carico l’area perché ufficialmente chiusa:

Alcuni cestini non reggono la solitudine e si autoestirpano:

Panchine posizionate sull’erba anziché sull’asfalto, con il risultato che in poco tempo si creerà il solco nella terra e dopo le piogge sarà fangoso e panchina impraticabile:

Bottiglie rotte e frammenti di vetro in moltissimi punti del parco:

La vegetazione prende il sopravvento, e il motivo che la ghiaietta a destra voleva definire, va a farsi benedire:

Oggi ho scoperto che hanno spostato tutti i lampioni che erano accostati alla passerella, probabilmente perché qualcuno li usava come pertiche, ma chi ha commissionato i lavori si è dimenticato di aggiungere “rimuovere i vecchi sostegni saldati alla passerella”, che ora rimarranno lì vediamo per quanto:

Per l’impianto wireless di videosorveglianza da SmartCity sotto il capannone, Fastweb ha fornito il collegamento telematico. Purtroppo il punto più vicino cui collegarsi era dalla parte opposta, oltre via Borgaro. Qui il beneficio del wireless è andato a farsi benedire e hanno steso alla buona, ma molto alla buona, una appariscente canalina grigia fascettata, con giunte casalinghe fermate da nastro adesivo, che con caldo, freddo e intemperie durerà ben poco. Per esterni mi pare debbano venire impiegate canaline metalliche.
Ma possibile non abbiano previsto cavidotti supplementari nel sottosuolo o comunque già esistenti per attingere servizi in futuro? Aaaa la lungimiranza…
È brutta alla vista ‘sta roba:

E Peter Latz (il progettista tedesco del parco che pensa che l’Italia sia un paese di marzapane e frutta candita) cosa ne penserà delle sue vasche recuperate con l’aggiunta di graziosi alti getti d’acqua che formavano simpatici giochi sincronizzati? Impianti, pompe, ecc… tutto a marcire. Galleggianti alla portata di bimbiminkia che si divertivano a sollevarli interrompendo l’alimentazione alle pompe, e qualcun’altro ne ha approfittato per rubare gli ugelli in ottone spariti in tempi diversi.
Il tutto avrà funzionato un mese:

Ah, l’ascensore vandalizzato ora non potrà più esserlo ulteriormente, a meno che non smontino la grata:




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.