"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cordusio – Se arrivano le Galeries Lafayette in Cordusio?

Notizie ci informano che presto le Galeries Lafayette apriranno il loro grande magazzino in piazza Cordusio. Pare abbiano comprato (ancora non confermata come notizia) il palazzo delle poste e che sarà convertito da ufficio postale nella grande cattedrale dello shopping francese.

Il palazzo in questione è Palazzo Broggi, costruito tra il 1899 e il 1901 in stile eclettico da Luigi Broggi, fu sede della Borsa di Milano dal 1900 (prima collocata nel Palazzo dei Giureconsulti in via Mercanti) fino al 1932, e fino ad oggi sede di uffici postali. Nel dopoguerra venne ricostruito e trasformato, perdendo il suo bellissimo salone in puro stile eclettico-liberty compreso il bel lucernario.

Le Galeries stanno vivendo un periodo molto positivo, in seguito al continuo aumento dei consumi dei prodotti di moda e lusso. Hanno infatti registrato un fatturato di 2,2 miliardi di euro nel 2013, superando in classifica altri grandi magazzini internazionali come Harrod’s a Londra, Bloomingdale’s a New York e Isetan a Tokyo (fonte pambianconews). Infatti già nel febbraio scorso venne dato l’annuncio di un interesse per la piazza milanese. L’apertura rientrerebbe nel progetto di internazionalizzazione del gruppo che ha già pianificato cinque aperture all’estero.

Di sicuro l’apertura per l’estate dell’EXPO crediamo sia impossibile, a meno di grandi miracoli francesi. Di sicuro sarà una nuova linfa per una bellissima piazza che è trattata malissimo da chiunque, milanesi e amministrazioni Comunali.

Cordusio, la Sala contrattazioni nel Palazzo della Borsa, ora Palazzo delle Poste, in Piazza Cordusio, arch. Broggi, 1899

La piazza e il palazzo delle Poste




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.