"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Castello – I milanesi hanno scelto il verde di Zanuso

Alla consultazione online sul futuro di piazza Castello ha vinto il progetto «99 alberi» di Marco Zanuso. Dei 13 mila milanesi votanti, 2.482 hanno votato per il progetto più “boscoso” tra quelli proposti per la riqualificazione provvisoria (non sarà una sistemazione definitiva, ma “temporanea” per durare alcuni anni) per EXPO.
Questa è la selezione “popolare” poi anche il Comune e la Triennale si esprimeranno restringendo il campo a 4 o 5 progetti che la settimana prossima verranno presentati. Mentre la Triennale dovrà decidere entro il 15-20 dicembre un gruppo di due o tre studi di architettura da assumere come consulenti per la realizzazione del progetto finale, come espressamente richiesto dal comitato Castello.

L’aspetto definitivo della piazza dopo l’Expo verrà deciso dopo l’evento del prossimo anno. Per quel progetto, si lavora a un concorso internazionale di cui il vicesindaco Ada Lucia De Cesaris discuterà il 2 dicembre con l’Ordine degli architetti e che probabilmente dovrà tener conto delle scelte fatte per la sistemazione temporanea.
La riqualificazione pensata dell’architetto Marco Zanuso prevede una serie di filari di gelsi aggiunti alle piante (platani) già esistenti. Il gelso era la pianta favorita da Ludovico il Moro nonché quella affrescata da Leonardo da Vinci nella Sala delle Asse, all’interno del Castello Sforzesco.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.