"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Baires – E se si chiudesse il Corso?

Il Consiglio di zona 3 vuole proporre per tutto il periodo EXPO la chiusura del traffico in Corso Buenos Aires ogni domenica. Naturalmente questo sta sollevando non poche reazioni contrarie.
Infatti a gennaio il consiglio di Zona 3 presenterà la delibera, con cui chiederà formalmente a palazzo Marino la chiusura “strutturale” del corso la domenica, da maggio alla fine di ottobre, durante tutto il periodo dell’esposizione universale. L’iniziativa è stata annunciata dal presidente di Zona 3 Renato Sacristani e dall’ad di Corsorzio Buenos Aires, Domenico Zimbalatti, in occasione della presentazione del brand “Shoppingdistrict”, in via Benedetto Marcello.

“Già da tempo il consiglio di Zona ha manifestato la sua volontà sulle chiusure domenicali. Avevamo pensato – ha spiegato Sacristani – a una chiusura al mese, e fino ad ora ne abbiamo realizzate diverse, in occasione di vari eventi. Per Expo vorremmo che la chiusura domenicale diventasse strutturale, a prescindere dalla organizzazione di eventi, ovvero anche per il semplice passeggio. Lo chiederemo formalmente al Comune a gennaio con una delibera del consiglio di Zona. Il Consorzio Buenos Aires sta lavorando a un programma importante di eventi, ma il corso potrà in questo modo essere a disposizione per tutti quei piccoli eventi per ‘Expo in citta’’ che avranno bisogno di una collocazione”.

Ha assicurato un “interessante programma” di eventi in via di organizzazione Zimbalatti: “Chiederemo la chiusura domenicale durante tutto Expo, stiamo lavorando a una serie di attività centrate sulla musica.Dobbiamo pero’ avere la certezza della collaborazione del Comune, anche per l’aspetto autorizzativo e organizzativo. Sappiamo che c’e’ un gruppo di lavoro che sta affrontando questo tema”. Nelle prossime settimane, ha spiegato Sacristani, si “definira’ il ruolo del Consorzio per gli eventi durante Expo”. La pedonalizzazione ha l’obiettivo di “valorizzare il corso, un asse centrale in una zona che conta 150mila abitanti”, ha detto Sacristani, e per realizzarlo la Zona conta anche sul “percorso di trasferimento di competenze” dal Comune al decentramento.

Articolo da Il Giorno
Naturalmente noi siamo più che d’accordo, anche perché chi va a far shopping non entra nei negozi con la vettura, no?




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.