"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Porta Venezia – Palazzi scomparsi: la Cà Rossa

Corso_Venezia_Casa_Ciani_1988

 

Costruita nel 1837 dall’architetto Gaetano Casati per il barone Gaetano Ciani, nell’aristocratico borgo di Porta Orientale, la casa posta all’angolo con Via Boschetti era particolarmente esuberante e rivestita di decorazioni in terracotta, tanto che venne da subito battezzata Ca’ Rossa.

Si presentava con un piano terra finestrato, un primo piano posto sotto ad una balconata ricca e che girava attorno alla casa segnando il piano nobile, terminava con un terzo piano e un ricco cornicione dotato di pinnacoli. Era rossa per via dell’abbondante uso di decorazioni in terracotta che l’hanno caratterizzata per un secolo. Forse eccessivamente sovraccarica di decorazioni patriottiche del Risorgimento con bassorilievi realizzati dai fratelli Andrea e Giovanni Battista Boni, che terminarono il lavoro nel 1862.

All’epoca divenne una meraviglia da guardare per chi veniva a Milano in visita. Per anni tutti si fermavano ad ammirare gli enormi telamoni (ben 12) che reggevano le balconate del piano nobile posto al secondo piano, così come non potevano non ammirare la Francia che tende la mano all’Italia nel grande timpano posto alla sommità del palazzo; così come i riquadri a bassorilievo in falso bronzo posti nel finto portone al centro della facciata sul Corso Venezia che raffiguravano il Re Galantuomo (Vittorio Emanuele II) che incontra Garibaldi o della raffigurazioni di Roma e Venezia in attesa o Cavour e Napoleone. Sopra la falsa porta principale (il vero ingresso si trovava lateralmente) era presente un busto dell’eroe dei due mondi. 

La casa rimase invariata per quasi un secolo, perse nel tempo solo i pinnacoli, forse troppo pericolanti per rimanere. Poi nel 1928 l’edificio venne spogliato dalle terrecotte che lo caratterizzavano e rialzato di ben tre piani, due sotto un cornicione e uno come sottotetto, qualche anno fa la casa è stata ulteriormente rialzata di un altro piano (deformandola completamente).

La casa Rossa non era certo un capolavoro architettonico, ma rappresentava di sicuro il gusto estetico di metà Ottocento ed era un vero mausoleo del Risorgimento. Mentre l’edificio attuale, in puro stile eclettico pesante degli anni Venti ha poche peculiarità, se non un grazioso mosaico in stile liberty Posto al centro della piccola facciata su Via Boschetti vi è un bell’ingresso in stile primo razionalismo.

 

2015-10-17_Casa_Ciani_1

 

Noi siamo riusciti ad entrare nel cortile e scattare le foto di quel poco che è rimasto delle decorazioni della Casa Rossa.

2015-10-17_Casa_Ciani_2 2015-10-17_Casa_Ciani_2B 2015-10-17_Casa_Ciani_3 2015-10-17_Casa_Ciani_4 2015-10-17_Casa_Ciani_5 2015-10-17_Casa_Ciani_6 2015-10-17_Casa_Ciani_6B 2015-10-17_Casa_Ciani_7 2015-10-17_Casa_Ciani_8 2015-10-17_Casa_Ciani_9 2015-10-17_Casa_Ciani_10 2015-10-17_Casa_Ciani_11 2015-10-17_Casa_Ciani_12 2015-10-17_Casa_Ciani_13 2015-10-17_Casa_Ciani_14 2015-10-17_Casa_Ciani_15 2015-10-17_Casa_Ciani_16 2015-10-17_Casa_Ciani_16B 2015-10-17_Casa_Ciani_Tetto 5344597912_e149e23240_o Corso_Venezia_Casa_Ciani_1840 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1880 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1885 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1895 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1898

Corso_Venezia_Casa_Ciani_1899 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1920 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1925_A Corso_Venezia_Casa_Ciani_1925_B Corso_Venezia_Casa_Ciani_1925_C Corso_Venezia_Casa_Ciani_1925_D Corso_Venezia_Casa_Ciani_1925_E Corso_Venezia_Casa_Ciani_1925_progetto Corso_Venezia_Casa_Ciani_1927_A Corso_Venezia_Casa_Ciani_1927_B Corso_Venezia_Casa_Ciani_1927_C Corso_Venezia_Casa_Ciani_1929 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1988 Corso_Venezia_Casa_Ciani_1988B Corso_Venezia_Casa_Ciani_2015A Corso_Venezia_Casa_Ciani_2015B

 

 

 

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Zona Porta Venezia – Palazzi scomparsi: la Cà Rossa

  1. Francesco De Collibus

    Un giorno piangeremo pensando a tutti questi sopralzi che avranno definitivamente distrutto il prospetto delle nostre un tempo belle città

  2. germano

    Cioe in pratica hanno solo levato tutte quelle fantastiche opere d’arte che decoravano l’ufficio? Ma il senso di sta mossa?

  3. Ale

    Quindi è proprio nel dna di Milano rovinare le sue bellezze… ho sempre pensato che il dopo guerra fosse il periodo buio della nostra urbanistca, ma pensandoci bene già nel ventennio precedente si è iniziato a fare danni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.