"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Taliedo – Mecenate 79: progressi

In viale Mecenate al 79 vi erano i capannoni della Caproni, una tra le più importanti aziende aeronautiche italiane. Venne fondata da Giovanni Battista Caproni, dopo alterne vicende durante gli anni trenta assunse addirittura le dimensioni di un vero e proprio gruppo industriale. Lo stabilimento di Taliedo terminò la sua attività nel 1950 dopo essere andata in bancarotta, in seguito alla crisi del dopoguerra. Da allora i capannonii vennero usati per le più disparate attività. Soprattutto come magazzini. Nel 2005 lo studio di architettura Piuarch vinse un concorso per la ristrutturazione e trasformazione degli spazi nelle aree ex-Caproni.

Dopo 10 anni forse ci siamo, incredibile ma vero. Infatti sono iniziati nuovamente i lavori per la trasformazione degli spazi in un centro polifunzionale con attività commerciali, alberghiere, produttive e per il tempo libero. In parte già realizzati in alcune sue parti, il progetto non era mai stato completato.

L’area di 30.000 mq, che sin dagli anni ‘30 ha accolto le attività dell’azienda aeronautica Caproni, è quasi interamente coperta da edifici industriali in mattoni. Il carattere architettonico originario è rimasto conservato, insieme ad una preziosa rete viaria interna e perimetrale. Il progetto prevede un “quartiere” moderno e fruibile dagli utenti e dal pubblico, la cui qualità è il risultato di un grande equilibrio tra memoria e modernità. Hangar e padiglioni storici, insieme a tre nuovi edifici e agli spazi esterni risistemati, realizzano un comparto unitario. Tra i capannoni il più grande è l’Hangar con una campata strutturale di quasi 40 metri, dimensione necessaria per il montaggio degli aerei Caproni, che può diventare uno spazio polifunzionale di circa 7.800 mq. I nuovi edifici, tre volumi semplici e lineari che individuano l’area dalla distanza, accostano alle cortine in mattoni forme geometriche pure, la cui doppia pelle di vetro è di elementi trasparenti e traslucidi. L’albergo, l’edificio più alto, si sviluppa su 10 piani, mentre altre due torri di 8 piani ospitano i residence. Il fronte su via Mecenate è costituito da una galleria vetrata con attività commerciali, la cui trasparenza “svela” i capannoni originari. Con le nuove funzioni, la strada interna diventa una via urbana pedonale con al centro una piazza coperta, costituita da una tettoia preesistente, che guida all’albergo.
Il nuovo quartiere è quindi permeabile rispetto alla città con percorsi e attraversamenti longitudinali e trasversali, tutti pedonali, che si snodano attraverso le nuove attività e gli spazi alberati. Sotto i principali edifici e sotto la strada interna sono previsti parcheggi interrati, accessibili alle auto dalle strade perimetrali e collegati al sistema di percorsi pedonali.

Ecco le foto dal cantiere:


Foto Francesco Vigotti

 

2015-10-22_Mecenate_79_A 2015-10-22_Mecenate_79_B 2015-10-22_Mecenate_79_0 2015-10-22_Mecenate_79_C 2015-10-22_Mecenate_79_E 2015-10-22_Mecenate_79_D Mecenate_79_0




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


One thought on “Milano | Taliedo – Mecenate 79: progressi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.