"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

La Città Metropolitana che vogliamo

Ho sempre manifestato la mia fiducia nella legge Delrio che ha in sé enormi potenzialità per il buon governo del nostro territorio, pur con i limiti già da molti evidenziati. Vanno però oggi comunicate ai cittadini le preoccupazioni in ordine ad alcune tematiche cruciali. Prima fra tutte la possibilità di dare a Città Metropolitana gli strumenti per esercitare le sue funzioni fondamentali.

 

Il resto dell’articolo su Arcipelago Milano

 

Milan_at_Night

Milano e area metropolitana in notturna

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “La Città Metropolitana che vogliamo

  1. Riccardo

    L’Area Metropolitana di Milano coincidente con la Provincia è segno di grande ignoranza ed incompetenza di chi ci governa.
    Non saremo mai vicini all’Europa, se queste sono le premesse!

  2. CM

    pesce grande mangia pesce piccolo. Forse nelle istituzioni non dovrebbe essere così, ma questa è la realtà.
    Una volta le competenze della provincia coprivano l’intero territorio, poi col tempo ha perso qualche pezzo grazie ai vari campanilismi, e si è anche trasformata in una ciambella con un vuoto in mezzo occupato dal capoluogo sempre più ingombrante e potente, che è riuscito a monopolizzare la scena anche sui territori limitrofi stringendo accordi spesso squilibrati e presentando poi il conto dei servizi offerti.
    Ora l’obiettivo è semplice: istituzionalizzare il monopolio nei paraggi del proprio territorio (hinterland), abbandonando i comuni più lontani ai loro destini contro (o con, dipende dai casi) i governi regionali, statali ecc…
    Come si dice, chi è causa del proprio mal…, quindi Riccardo ha ragione: prima cosa ridefinire i confini! Che senso ha considerare San Colombano nella metropoli e Brugherio fuori?? Quali sono i metodi e i criteri di assegnazione delle competenze e dei territori, quelli sregolati come il referendum del 92 in cui i banini scelsero Milano per non perdere le sovvenzioni agricole ai vigneti??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.