"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bicocca – Quasi terminato l’asilo in piazza dei Daini

Quasi ultimato l’asilo di piazza dei Daini alla Bicocca. Prima venne realizzato il muro di contenimento del giardino dell’Esplanade (quello in declivio verso viale Sarca), poi iniziarono i lavori per l’asilo che in pratica prende il posto della mai realizzata chiesa parrocchiale del quartiere. Oggi i lavori all’edificio sono pressapoco conclusi, mentre si sta intervenendo alla piazzetta. L’edificio, lineare e semplice, di un bellissimo colore rosso, è incastrato tra due edifici, ed è separato da loro da due passaggi a scalinata che conducono al sovrastante giardino.

 

2016-05-08_Bicocca_Daini_11

2016-05-08_Bicocca_Daini_10 2016-05-08_Bicocca_Daini_9 2016-05-08_Bicocca_Daini_8 2016-05-08_Bicocca_Daini_7 2016-05-08_Bicocca_Daini_6 2016-05-08_Bicocca_Daini_5 2016-05-08_Bicocca_Daini_4 2016-05-08_Bicocca_Daini_3 2016-05-08_Bicocca_Daini_2 2016-05-08_Bicocca_Daini_1

Bicocca_Piazza_Dei_Daini




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Bicocca – Quasi terminato l’asilo in piazza dei Daini

  1. fabio

    È un discorso che esula dall’articolo. L’ippodromo e stadio son stati raggiunti dalla metro nel 2015! Gessate lo è da molto di più. L’ospedale San Carlo non è servito dalla metro (così come tutti gli ospedali: crocetta non può servire il policlinico, ca’ granda è troppo lontano al niguarda, l’unica è sant’ambrogio per il piccolo san giuseppe). Baggio, popoloso quartiere, e Muggiano, deserto ma pur sempre Milano e lontanissimo da tutti, non sono serviti dalla metro. Il camping di Milano? L’acquatica? Ma, ripeto, siamo usciti dal discorso sul cavallo: costo dell’operazione? Utilità? C’è bisogno di accentrare tutto o è più facile rendere fruibile ciò che è lontano?
    Portare il cavallo in centro si allinea al pensiero delle varie migrazioni dei bronzi di Riace ora in Sardegna, ora a Milano.

  2. lu.po

    ma la passerella ciclopedonale su viale Sarca verso il Parco Nord che fine ha fatto? se non sbaglio, sia asilo sia passerella avrebbero dovuto essere
    realizzati a scomputo degli oneri di urbanizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.