"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bovisa – Piazza Schiavone, una piazza a metà

Piazza Schiavone alla Bovisa era un piazzale con al centro un’enorme aiuola verdeggiante e tutt’attorno una corona di soliti parcheggi. Poi nel 2001 la giunta di allora decise di pedonalizzare sistemare la piazza assieme a via De Capitani e piazza Bausan; i lavori furono ultimati nel 2003 con un costo di circa tre miliardi di vecchie lire.

bovisa_piazza-schiavone

La piazza ora e nel 1975

piazza-schiavone-0 piazza-schiavone-1995

piazzale_schiavone_1995 piazzale_schiavone_2012

Purtroppo questa sistemazione che l’ha resa “pedonale” per buona parte ancora dopo tanti anni non convince e non funziona. Già nel 2004 la piazza venne sottoposta ad un rifacimento a causa delle molte proteste sollevate dagli abitanti.

L’aiuola centrale venne tagliata in due, ampliata verso via De Capitani e via Angelo del Bon. Un muro in cemento armato separava, secondo il progetto, una zona pedonale con una specie di anfiteatro dalla zona a verde. Il muro divenne subito una barriera visiva e di brutto impatto che impediva la comunicazione tra le due parti, rendendo la parte “pedonale” sporca e decisamente deserta. Dopo l’abbattimento del muro nel 2004 e la creazione di una fontana la situazione era leggermente migliorata, anche se, a distanza di oltre dieci anni, la parte “pedonale è decisamente triste e sciatta. Sfruttata in rare occasioni, d’estate l’assenza di ombra su quel lato rende in pratica la piazza inutile per una passeggiata o una sosta e d’inverno pure, perché diciamolo, è abbastanza triste sedersi su muretti o scalini privi di anima e che spesso sono imbrattati da scritte. Insomma, un lavoro fatto a metà. Invece di tutta questa colata di cemento, avessero fatto un altro spazio a verde con alberi ad alto fusto da ombreggiare d’estate, forse la piazza sarebbe più a misura d’uomo. Come volevasi dimostrare, sul lato del marciapiede lungo il civico 6 le automobili e non solo vengono sempre parcheggiate con disinvoltura. Come se non bastasse, le piante di prunus, in alcuni casi sono secche o in procinto di seccare definitivamente, ad accentuare ancora di più il carattere di questa metà della piazza. L’altra parte, per fortuna, è rigogliosa e frequentata anche grazie al campo giochi per i bambini.

Naturalmente ne abbiamo anche per via De Capitani, ma rimandiamo ad un altro articolo.

2016-09-17_piazza_schiavone_1 2016-09-17_piazza_schiavone_2 2016-09-17_piazza_schiavone_3piazza-schiavone-6 2016-09-17_piazza_schiavone_4 2016-09-17_piazza_schiavone_5 2016-09-17_piazza_schiavone_6 2016-09-17_piazza_schiavone_7 2016-09-17_piazza_schiavone_8 2016-09-17_piazza_schiavone_9 2016-09-17_piazza_schiavone_10 2016-09-17_piazza_schiavone_11 2016-09-17_piazza_schiavone_12 2016-09-17_piazza_schiavone_13 2016-09-17_piazza_schiavone_14 2016-09-17_piazza_schiavone_15piazza-schiavone-1piazza-schiavone-2piazza-schiavone-3

Il muro tanto contestato e il momento del suo abbattimento nel 2004.

SILV006

SILV006

SIL008

SIL008

piazza-schiavone-muro_demolito_2004




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Bovisa – Piazza Schiavone, una piazza a metà

    1. Doc

      Cogliendo la battuta; a mio avviso è semplicemente un progetto dell’era Moratti.
      Ho detto tutto.
      Se fosse stato un progetto di Pisapia almeno ci sarebbe stata l’area cani 😉

  1. ocia87

    Scandoloso come si siano buttati soldi per peggiorare, e di molto, l’esistente. Da un’aiuola decorosa s’è passati a una piazza degradata. Bella mossa

  2. alessandro

    Se fosse stata l’era pisapia, non ci sarebbe nemmeno stata la ristrutturazione. Pisapia non sapeva nemmeno dove stava, la Bovisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.