"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Broletto – Palazzo Clerici e le persiane mancanti

Palazzo Clerici era la dimora della ricca ed influente famiglia patrizia milanese dei Clerici e si trova nell’omonima via detta nel seicento “Contrada del prestino dei Bossi”. Nel Settecento l’antico palazzo padronale venne completamente modificato ad opera del Marchese Anton Giorgio Clerici (1715-1768) il quale ne fece una delle dimore più sfarzose della Milano dell’epoca, con la realizzazione della famosa Galleria degli Arazzi affrescata sulla volta da Giovanni Battista Tiepolo nel 1741.

Il palazzo dal 1942 ospita l’ISPI, l’Istituto di Studi di Politica Internazionale. La questione è: persiane sì o persiane no? In teoria il palazzo, come tutti i palazzi storici dovrebbe avere le persiane alle finestre, ma come spesso succede, purtroppo le persiane sono state rimosse per chissà quale scopo e non sono state più riposizionare.

Non sarebbe più bello con le persiane? Il Palazzo, a nostro avviso, meriterebbe anche un restauro, viste le condizioni degli intonaci in facciata. Sarebbe bello, poi, che venissero rimossi gli orrendi panettoni dall’ingresso, così brutti a vedersi.

1925_1940_palazzo_clerici 1925_1940_palazzo_clerici2

2016-09-11_palazzo_clerici_1 2016-09-11_palazzo_clerici_2

 

2016-09-11_palazzo_clerici_32016-09-11_palazzo_clerici_3b

 

2016-09-11_palazzo_clerici_4fuori-salone-2015-futon-tatami-ram-house-palazzo-clerici-milano-3 palazzo-clerici-galleria-degli-arazzi-con-affresco-del-tiepolo

 

 

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.