"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vittoria – Sempre peggio, la città che sale e la città che sprofonda

Quasi ogni anno abbiamo fatto un articolo dedicato ad una banale fontana di piccole dimensioni della quale, prima o poi, qualcuno avrà pietà e o la farà sparire o la farà restaurare.

La fontana, piccola, è in via Corridoni a Porta Vittoria, all’ingresso del Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci e all’ex Centro Congressi della Provincia di Milano.

Siamo in prossimità dei resti del convento di San Pietro in Gessate, chiesa confinante. Siamo anche vicino al Palazzo di Giustizia, e alla Biblioteca Sormani, eppure non bastano questi enti importanti per cambiare le sorti della zona, l’attenzione di Milano e dei milanesi, come sosteniamo da diverso tempo, si sposta sempre più a Nord-Ovest (Porta Nuova, Isola, Centro Direzionale, Porta Garibaldi, Porta Volta, Sempione, Portello e Tre Torri-CityLife) piuttosto che nella zona a sud-est del Duomo (unica eccezione, per fortuna è Fondazione Prada).

Questa discrepanza di energie e sostentamenti si percepisce anche in piccole cose, come l’attenzione per certe realtà.

Tornando alla nostra piccola fontana, si tratta di una vasca circolare, piastrellata in tasselli di ceramica a mosaico con una colonna centrale che reggeva una sfera metallica. Nulla di speciale: venne realizzata negli anni Cinquanta, quando fu costruito l’istituto scolastico sulle macerie del chiostro quattrocentesco di San Pietro in Gessate, semi distrutto dei bombardamenti della Seconda Guerra mondiale. L’edificio fu progettato dagli uffici tecnici provinciali con la consulenza dell’Architetto Ernesto Rapisardi tra il 1954 e il 1956. Attorno si trova una piazzetta con aiuole (per fortuna ben tenute).

Vasca e colonna sono imbrattate da anni, e ogni volta che torniamo, un altro “simpatico artista di strada” ci fa sapere di esser passato di qui lasciando la sua firma. La sfera metallica, posta in cima alla colonnetta ottagonale, è sparita…forse qualche buontempone l’avrà usata come pallone.

C’è persino un cartello turistico che spiega in due righe il nome della fontana e di che periodo sia.

E’ incredibile come i giardinieri del Comune o del liceo si occupino bene del verde, di loro competenza e il resto sia lasciato all’incuria.

A questo punto ci chiediamo se non sia meglio eliminare la fontana e piantarci qualche alberello, piuttosto che lasciarla in questo stato.

Nelle due foto degli anni Ottanta, si può vedere la fontana racchiusa nel recinto, nell’angolo in basso a destra.

Liceo Scientifico Leonardo da Vinci 1958

Un tempo la fontanella si trovava all’interno di una recinzione dell’istituto scolastico; poi, un rinnovo del complesso realizzato forse una quindicina d’anni fa ha visto aprire alla città questo spazio con una piazzetta.

Bell’idea, ma se non si presta cura e manutenzione, il tutto finisce in malora come si è dimostrato. Così sciatteria e degrado procurato da scritte dei soliti imbrattamuri, hanno devastato anche quest’angolo che potrebbe essere molto più bello. Scritte sui muri oltre che sulla fontana, scarabocchi che col tempo si sono sommati gli uni agli altri.

Per giunta sotto i portici bivaccano sempre senzatetto, il tutto sotto la bandiera europea e italiana… Si sa, degrado chiama altro degrado, se si osservano le immagini dei quattro articoli precedenti, noterete come per contrastare questo schifo non si sia mosso un dito o una spugna, cosa che sarebbe bastata per non ridurre il tutto in questo stato.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Porta Vittoria – Sempre peggio, la città che sale e la città che sprofonda

    1. CK

      Ma perché dovete sempre buttarla in politica e aggiungere codazzi che non c’entrano niente??

      Questa piazzetta è così, e anche peggio, da 20-30 anni, con giunte di destra, di sinistra, d’in alto e d’in basso.

      Il problema non sono le giunte, ma la storica allergia italiota per una decente manutenzione.

      1. Anonimo

        Senza metterla in politica, sui graffiti e le scritte la situazione è purtroppo peggiorata negli ultimi anni.

        Ma se anche ammettessimo che 20 anni fa le cose erano assolutamente uguali ad oggi, la situazione è comunque peggiorata in termini relativi, perchè in tutto il resto del mondo le scritte sui muri sono drasticamente calate: si è voluto e saputo prendere di petto il problema.

        1. Anonimo

          In realtà negli ultimi anni la situazione è nettamente migliorata, nel senso che quantitatiivamente ci sono sempre meno imbrattamuri e muri imbrattati di nuovo. Il vero problema è che permangono ancora edifici, vie e zone con imbrattamenti del decennio/decenni precedenti che funzionano pur sempre da richiamo per i volenterosi del pennarello. E se si guardassero certe saracinesche di negozi, e non pochi, si potrebbero osservare scarabocchi risalenti anche a più di venti anni fa.

  1. Precotto doc

    funziona così con i sinistri, se qualcosa non va bene é colpa delle giunte precedenti , se qualcosa va bene é tutto merito del dio superiore con Rolex del sindaco sala , cattivi , brutti , fascisti e razzisti come osate …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.