"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Precotto – Cantiere rotaie incrocio viale Monza e Via Pelitti: lavori urrltimati

Si sono conclusi ormai da qualche settimana i lavori per attutire i rumori che recavano disturbo da anni al passare delle vetture sui binari della linea 7 in viale Monza a Precotto. Il punto critico è dove la linea tranviaria incrocia il viale all’altezza di via Giuseppe Pelitti. Il problema era che le automobili passando sui binari procuravano un fastidioso rumore per tutto il giorno, come proteste degli abitanti sin da quando la linea venne attivata. Ora è stato steso un “letto di gomma” di modo da attutire il rumore.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Precotto – Cantiere rotaie incrocio viale Monza e Via Pelitti: lavori urrltimati

  1. Anonimo

    Visto che Milano è piena zeppa di incroci con le rotaie del tram, anche in vie ben più trafficate e abitate di questa non capisco se si tratta di un “esperimento” da replicare poi dappertutto (se funziona) o…della fisima di qualche Comitato locale che han cercato di tacitare in qualche modo 🙂

  2. Anonimo

    Il problema è che in viale Monza, rettilineo e con relativamente pochi semafori, le auto corrono come in formula 1. Si dovrebbe pensare a sistemi efficaci per rallentarle, tra tutti autovelox o una specie di tutor sui tratti più veloci. I soldi recuperati potrebbero essere usati per sistemare i marciapiedi che versano in uno stato pietoso, o rifare il viale seguendo le regole della “road diet” che all’estero si usa molto: riequilibriamo lo spazio delle nostre strade ora al 95% dedicato alle auto, una follia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.