"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Pietro in Sala – L’incrocio piazza Wagner e via San Siro

Quante volte vediamo situazioni di parcheggio selvaggio a Milano? Troppe.

Una di questi luoghi assediati da auto parcheggiate in modo assurdo e veramente indisciplinato è senza alcun dubbio piazza Wagner e specificatamente l’incrocio della piazza con via San Siro e via Buonarroti, dove la via si inserisce ad imbuto e nel punto più largo consente il parcheggio selvaggio.

Perché ad esempio, il Comune in questo punto non crea ad esempio un’isola pedonale con un’aiuola? Non sarebbe logico e più bello? Noi abbiamo provato con un piccolo fotomontaggio.

Infatti ecco come appare solitamente quest’incrocio. Situazione indisciplinata che comunque troviamo un po’ ovunque, anche e soprattutto attorno al Mercato Coperto.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | San Pietro in Sala – L’incrocio piazza Wagner e via San Siro

  1. anrmomylos

    già, perchè?? forse per non pestare i piedi al mercato comunale? E’ una situazione indecente, non dico altro per non beccarmi una denuncia

  2. Anonimo

    Ah, ecco dove son finite tutte le auto scacciate dalla riqualificazione dell’altro lato della piazza (angolo via Belfiore)

    1. Renato S.

      Per favore. sono trent’anni che quello spazio è assalito dalla sosta abusiva. Non è certo la riqualificazione la causa di questa follia.

      Un suggerimento a urbanfile: tutto quel tratto di via Buonarroti andrebbe ripensato, visto che è afflitto da eterne e pericolose seconde e terze file in sosta. Per non parlare dei pedoni che camminano dove capita, anche per l’oggettiva infelicità del posizionamento degli attraversamenti.
      Se si aggiunge che, spesso, l’ampiezza della via invita i guidatori a picchiare sull’acceleratore è un vero miracolo che non si siano già verificati incidenti MOOOLTO gravi.

  3. Manuel

    la parola magica è… rimozione forzata! Servizio praticamente sconosciuto a Milano e che andrebbe urgentemente riorganizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.