"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Vercellina – Piazza Ambrosoli: un progetto dal Municipio 7

Quante volte insistiamo che piccoli lavori cambierebbero la percezione di spazi urbani e sicuramente anche la vitta dei cittadini? In zona Porta Vercellina c’è una piazza da noi più volte menzionata in articoli dedicati (20172018), Piazza Giorgio Ambrosoli.

Marco Bestetti, Presidente del Municipio 7, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook il progetto elaborato assieme alla cittadinanza per una totale riqualificazione di questo spiazzo urbanistico, dalle molte potenzialità ma lasciato nella più totale sciatteria e in preda al parcheggio selvaggio.

Come ha ricordato Bestetti, l’11 luglio di 40 anni fa, l’avvocato milanese Giorgio Ambrosoli venne assassinato per strada da un sicario del banchiere Sindona.
Il suo integerrimo senso del dovere lo portò a scoperchiare il vaso di Pandora degli oscuri intrecci tra finanza, politica e criminalità organizzata. Sacrificando la sua vita per far emergere la verità.
A Milano, la doverosa memoria di Giorgio Ambrosoli è affidata all’intitolazione di una piccola piazzetta alle spalle di Corso Vercelli. Un luogo che da anni versa però in una desolante condizione urbanistica: una disordinata distesa di catrame, senza un filo di verde, priva di spazi per i cittadini e con una viabilità decisamente pericolosa.
Il Municipio7 ha quindi deciso di restituire a Giorgio Ambrosoli l’onore e il riconoscimento che merita, lavorando insieme ai cittadini per la completa riqualificazione della Piazza, che sia più verde e ordinata, con più spazi fruibili dai residenti e dai commercianti, con una viabilità più sicura e soprattutto senza ridurre gli spazi di sosta.
Il progetto è pronto, votato dai cittadini che hanno partecipato nello stimolante processo partecipativo.
Ora la palla passa al governo della città intera, Palazzo Marino. Il Municipio sta insistendo affinché i lavori vengano realizzati entro l’anno, in modo che Milano possa onorare la memoria di Giorgio Ambrosoli a 40 anni esatti dalla sua morte.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Porta Vercellina – Piazza Ambrosoli: un progetto dal Municipio 7

  1. Anonimo

    Mi sembra tutto sbagliato. Si parcheggerà sulla rotonda perché la carreggiata è troppo larga. Non c’è traccia di itinerari ciclabili, non sembrano esserci attraversamenti pedonali rialzati che dovrebbero essere la norma per far rallentare le auto. Questa è solo una debole e timorosa riqualificazione con l’inserimento di tre alberelli, nulla di più.

    1. dc

      no al contrario nel progetto la careggiata non sarà sufficiente a parcheggiare e molto più piccola dell’attuale concordo sull’assenza della ciclabile ma credo che nei marciapiedi ci sia abbastanza spazio

    2. Andrea

      A me invece piace
      Non si parcheggerà sulla rotonda perché sarà probabilmente fisicamente impossibile salirci, inoltre il riordino della sede stradale porterà le auto ad avere una traiettoria più vincolata e prevedibile con conseguente riduzione della velocità.
      La minore velocità elimina la necessità di una pista ciclabile dedicata e attraversamenti pedonali rialzati.
      E a contorno diversi alberi che aumentano la percezione di luogo (per quanto possibile) ameno.

  2. Paco

    Sono d’accordo. E’ l idea di rotatoria che è sbagliata. Meglio una normale intersezione a precedenza, magari anche rialzata al livello dei marciapiedi, con Polibio accessibile solo da Giovio. Migliorerebbero la connettivita pedonale e si amplierebbero i parterre degli spazi commerciali che sono l’unica vera occasione di attivare la piazza.
    E comunque la sosta a spina di pesce su strade cosi strette non si puo fare..non c’e spazio di manovra ed è pericolosa, specialmente per i ciclisti.

  3. Paco

    Sono d’accordo. E’ l idea di rotatoria che è sbagliata. Meglio una normale intersezione a precedenza, magari anche rialzata al livello dei marciapiedi, con Polibio accessibile solo da Giovio. Migliorerebbero la connettivita pedonale e si amplierebbero i parterre degli spazi commerciali che sono l’unica vera occasione di attivare la piazza.
    E comunque la sosta a spina di pesce su strade cosi strette non si puo fare..non c’e spazio di manovra ed è pericolosa, specialmente per i ciclisti.

  4. Paco

    Una intersezione normale occupa molto meno spazio di una rotatoria, praticamente giusto l’area dell’isola centrale della rotatoria proposta. Ad eccezione dei bracci (cioè circa 4m di carreggiata) e dell’intersezione stessa, tutto il resto resterebbe a parterre pedonale che si potrebbe atrezzare con verde, panchine, posti bici, e dehor dei bar che affacciano sulla piazza. Formalizzare il sistema a rotatoria, soluzione di puro perfezionamento dello schema di circolazione attuale avrebbe il solo vantaggio di mantenere l’accesso a Polibio per chi viene da Salutati. A fare quella manovra saranno poche decine di auto al giorno, oltretutto con una manovra al limite del codice della strada dato che ci si trova per un breve tratto essenzialmente contromano. A mio avviso questa scelta non giustifica lo spreco di spazio che la rotatoria implica e ritengo decisamente migliorativa una soluzione di ripavimentazione dell’intera piazza che preveda una semplice intersezione a raso e che punti a massimizzare il verde e la fruibilita delle attività accessorie.
    saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.