"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Città Studi – Cantiere Politecnico: aggiornamento agosto 2019

Aggiornamento fotografico dal cantiere per il rinnovo del livello ipogeo del campus del Politecnico a Città Studi. Una piazza utilizzata da sempre come parcheggio e semplice passaggio che grazie ad un progetto di Renzo Piano, che la trasformerà in vera piazza per la gente. 

Iniziamo dal completamento o quasi del restauro esterno dell’Edificio 12, sede del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani. Finalmente è tornato allo “splendore” dell’epoca di costruzione, 1960 circa.

Ed ecco il palazzetto progettato da Renzo Piano e che ha suscitato non poche polemiche, vista l’altezza di due piani in più in confronto all’edificio demolito.

Questa nuova palazzina ha preso il posto del sottomarino, un edificio di raccordo basso e lungo che lascia posto anche ad uno spazio aperto e vivibile che collegherà il Patio di Architettura con gli altri due edifici, il cosiddetto “Trifoglio” e la “Nave” di Gio Ponti.

Come abbiamo visto, è sparito anche l’orrendo parcheggio centrale e il nuovo cortile sarà arricchito da 100 nuovi alberi che saranno visibili da chi transita in via Bonardi. Per la didattica, aule e laboratori seminterrati, illuminati da coni di luce naturale.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Città Studi – Cantiere Politecnico: aggiornamento agosto 2019

  1. GArBa

    io sono sempre stato innamorato della Nave anche se le aule didattiche erano oggettivamente molto scadenti.

    Trifoglio invece aule fantastiche anche se farci gli esami a luglio con la piscina piena di ragazzini di fianco era una tortura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.