"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Nuovo incrocio Gioia Liberazione

Modifiche ai cordoli dell’incrocio tra via Melchiorre Gioia e viale della Liberazione. Visto che il tracciato della ciclabile di viale della Liberazione è stato finalmente completato, si sono dovuti adeguare anche i cordoli adattandoli per la ciclabile.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Nuovo incrocio Gioia Liberazione

  1. Wf

    Bellissima notizia.

    Se le auto vengono saldamente relegate e seaparate dalle aree pedonali e ciclabili senza invasioni aiuole e marciapiedi né doppia fila possono convivere benissimo.

    Basta che stanno fuori dai coglionj nelle loro trincee…
    E andiamo tutti d’accordo…

  2. Andrea

    Il tunnel che porta le automobili a Garibaldi è stato completato anni fa, ancora prima di terminare il grattacielo Unicredit, due corsie per senso di marcia, illuminazioni led, indicatore della velocità, accesso diretto al parcheggio del supermercato… Bellissimo!

    Nel 2019 non è ancora terminata la ciclabile, il ponte che avrebbe dovuto portare ai giardini della Biblioteca degli Alberi è stato tolto dal progetto, tutti gli accessi ai giardini sono composti da scalinate, il tunnel che porta a Garibaldi non è percorribile in bici, gli scivoli di accesso alla ciclabile in molti casi sono mal realizzati e formano dei fastidiosissimi gradini spacca-ruote, da ormai più di 10 anni chi si sposta nella zona in bici deve ogni tanto modificare il proprio percorso per adeguarsi alle transenne dei vari lavori.

    Non so se essere felice per la (quasi) realizzazione di questa importante pista ciclabile o se arrabbiarmi per i 10 anni trascorsi quando, diversamente dalle promesse delle varie giunte, la ciclabilità è stata trattata letteralmente come il meno prioritario degli obiettivi.

    1. A.

      Verissimo. E lascia perplessi e amareggiati che questo accada proprio nella zona più “di vetrina” per Milano negli ultimi anni. Che speranza hanno i quartieri periferici di avere una ciclabilità seria, se neanche a porta Nuova ce l’ha?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.