"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | kids | Liberazione – il bunker di piazza Grandi

Quest’anno si celebra il 75° anniversario della Liberazione, una ricorrenza da sempre molto sentita e ampiamente ricordata a Milano con manifestazioni, concerti ed eventi organizzati da diverse associazioni ed in particolare dall’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, veri protagonisti della Resistenza. Il 25 Aprile 1945 è una data simbolo, coincise con l’inizio della ritirata da parte dei soldati della Germania nazista e di quelli fascisti della repubblica di Salò, dopo che la popolazione si era ribellata e i partigiani avevano organizzato un piano per riprendere le città di Torino e di Milano. Una pagina importante della nostra storia, da sempre studiata sui libri di scuola e molto spesso approfondita dai ragazzi nell’ambito di tesine e ricerche che li porta a scoprire curiosità, informazioni e risvolti di un momento storico cruciale nella storia del nostro paese e della nostra città. Milano ebbe un ruolo chiave durante la Seconda Guerra Mondiale, fu ripetutamente bombardata e conserva ad oggi molte testimonianze del periodo bellico, una tra tutte sono i numerosi bunker disseminati sul territorio.

Se in questa data così importante volete scoprire qualcosa di più su questi rifugi invisibili che costellano il sottosuolo di piazze, cortili, palazzi e vie della nostra città vi propongo di prenotare una visita virtuale al bunker di piazza Grandi, recentemente restaurato e meta abituale di scolaresche. La sua realizzazione risale al novembre del 1936, commissionato dal Comune di Milano per difendere i cittadini dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale e successivamente recuperato e aperto al pubblico nel 2017. Una volta varcato uno dei due ingressi a lato della fontana si scendeva a tre metri di profondità e ci si accalcava all’interno delle sue numerose stanze, ben 25, realizzate in calcestruzzo armato, per un totale di 400 mq, dove potevano trovare rifugio fino 450 persone. I locali grigi e spogli evocano le sensazioni delle persone che si rifugiavano per sfuggire ai bombardamenti aerei che devastarono intere zone della città, le scritte dell’epoca ci ricordano le indicazioni per la convivenza in questi spazi così carichi di significato ed emozioni vissute.

Ecco il link per prenotare la visita, organizzata da Neiade Milan Tours https://www.neiade.com/it/calendario/ la prima data disponibile è per il 3 maggio alle ore 18, al costo di 4 euro, una volta iscritti riceverete una mail con tutte le istruzioni.

Nell’attesa di sentirci tutti un po’ più liberi, buona Liberazione a tutti!




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.