"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Città Studi – Cantiere Politecnico: maggio 2020

Prosegue l’intervento di riqualificazione secondo un progetto di Renzo Piano degli spazi dell’ateneo del Politecnico di Milano a Città Studi. Via cemento e automobili dalla piazzetta ipogea e al loro posto un vero e proprio bosco di 8.000 mq e 130 alberi, una vera e propria nuova piazza aperta anche alla città.

Come si vede, sullo sfondo si vede la nuova palazzina progettata dallo studio di Renzo Piano.

E’ stata anche completata la nuova palazzina con terrazza e grande copertura vetrata al centro della nuova piazzetta.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Città Studi – Cantiere Politecnico: maggio 2020

  1. Anonimo

    Agghiacciante, se ci fosse un premio al minimalismo questo progetto sarebbe il primo classficato. Pure il fotografo ha dovuto fotografare da vicino perchè se no da lontano non si vedeva nula. Piano è meglio che a Milano non progetti nulla, vada pure all’estero a progettare che gli riesce tutto meglio, come a londra dove ha progettato lo shard il grattacielo di 300mt. Lì non si è risparmiato. A Milano purtroppo non ce la fà, è come quei giocatori che li metti in una squadra non combinano nulla e poi li metti in un altra squadra e fanno benissimo. Bene, Piano a Milano non combina nulla.

  2. Anonimo

    Speriamo diventi molto verde lo spazio intorno agli edifici…con molti alberi…quello che vediamo per ora non stupisce….

  3. Wf

    Visto che sarà un enorme attrattore di giovani…

    Ci saranno rastrelliere per parcheggiare lenorme numero di biciclette che stanno arrivando a milano nei prossimi giorni?

    E non è il caso di studiare delle piste ciclabili un po piu presenti nel quartiere?

    Bisogna prepararsi allinvasione positivissima delle due ruote…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.