"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Città Studi – Inaugurato il Giardino Teresa Pomodoro

Si è svolta ieri, venerdì 25 settembre 2020, alla presenza dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, della Presidente del Municipio 3 Caterina Antola e di Livia Pomodoro, Presidente dello “Spazio Teatro No’hma Teresa Pomodoro”, la cerimonia ufficiale di intitolazione del giardino di piazza Piola a Teresa Pomodoro.

Attrice, regista, drammaturga, Teresa Pomodoro è stata la fondatrice nel 1994 del Teatro No’hma, che dal 2000 ha sede in via Orcagna 2 nel cuore del Municipio 3, a pochi passi dal giardino a lei dedicato.

Durante la cerimonia è stato annunciato il progetto di riqualificazione del giardino di piazza Piola e della piazza omonima, pensato e offerto alla città dallo “Spazio Teatro No’hma Teresa Pomodoro” diretto da Livia Pomodoro: ventuno ciliegi intervallati da undici panchine e un’area pedonale con una pavimentazione a forma di goccia per richiamare la leggerezza dell’acqua, e infine un rospo che conversa con un altro rospo. Un’installazione che sembra una scenografia teatrale, capace di rappresentare un teatro a cielo aperto.

L’intervento di riqualificazione della piazza verrà realizzato attraverso un contratto di collaborazione nell’ambito del progetto “Cura e adotta il verde pubblico” e si completerà con la posa di una scultura. Proprio oggi la Giunta ha accettato la donazione, sempre da parte di “Spazio Teatro NO’HMA Teresa Pomodoro”, di un monumento composto da cinque gradoni cilindrici di diverse altezze sui cui saranno poste le opere di Kengiro Azuma: “Colloquio”, la scultura formata da due rospi in bronzo, e la “MU – 765 Goccia”.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


13 thoughts on “Milano | Città Studi – Inaugurato il Giardino Teresa Pomodoro

    1. Mauro

      Perché come tante altre iniziative di questa amministrazione per adesso è solo un annunciò.
      Anche se questo credo si farà perché è a carico di privati.
      E i navigli????

  1. Anonimo

    Tutto molto bello ma quella piazza viabilisticanente è un delirio. Si dovrebbe dare più attenzione ai pedoni che come sempre hanno marciapiedi striminziti, e ai ciclisti, che naturalmente non hanno un percorso per loro. Solo auto, auto e auto.

      1. Anonimo

        Andrebbe creato qualche attraversamento pedonale in più (ora ce n’è solo 1) che unisca il giardino centrale alle vie laterali e al contempo rallenti un po’ il flusso di auto

  2. Anonimo

    Voglio sperare che il nuovo verde, le panchine e la scultura saranno sorvegliati da telecamere e vigilantes per impedire che dopo 1 mese sia tutto rovinato dai soliti writers adolescenti cretini.

    Mettete anche un divieto di accesso ai cani

  3. Emilio

    Auguro ogni bene all’iniziativa. con i suoi poetici rospi che si guardano negli occhi e altre delicatezze scultoree. Il problema del “giardino” di piazza Piola è rappresentato dal caotico fiume in piena di macchine che lo intrappola. Sembra un girone dell’inferno a ogni ora del giorno e della notte, tranne durante il lockdown. E il “giardino” è di fatto semi-irraggiungibile a piedi: c’è un solo passaggio pedonale, non molto considerato dagli automobilisti (forse si chiederanno: ma dove caspita vuole andare questo pedone balordo che si dirige verso la rotatoria?!? Sarà mica un drogato o un pedofilo?). Comunque è una bella cosa, anche se il problema della “piazza” (leggi: rotatoria-spartitraffico) non credo si possa risolvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.