"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Babila – Il progetto per Europa 18

Lo stabile Europa18, a due passi da Piazza San Babila, è stato progettato dagli architetti Luigi Caccia Dominioni e Agostino Agostini, cui si devono diversi tra i più significativi esempi dell’architettura milanese degli anni ’50 e ’60 del ventesimo secolo, ed è stato realizzato tra il 1953 e il 1959. 

Ora la proprietà Kryalos SGR ha deciso di affidare il progetto per la sua valorizzazione a D2U (Design to Users), società di architettura milanese fondata nel 2003 da Jacopo della Fontana e Corrado Caruso, che ha curato la nuova accessibilità in chiave multi-tenant e la riqualificazione degli interni lavorando su un’innovativa funzionalità e flessibilità degli spazi che saranno disponibili a inizio del nuovo anno.

L’incarico di D2U si è concentrato sulla valorizzazione dell’ingresso di corso Europa 18 e nella creazione di una nuova reception aperta sulla Galleria Strasburgo, per ottimizzare la connessione dei piani e la combinazione di diverse superfici a seconda delle esigenze di spazio dei futuri locatari. 

Jacopo della Fontana, fondatore di D2U: “Il progetto si inquadra nel filone della valorizzazione del patrimonio architettonico della Milano moderna, in cui si inseriscono molti edifici costruiti nel dopoguerra, che nel corso degli anni hanno perso di appeal. Europa18 è stato progettato e realizzato negli anni ’50 e nel corso degli anni ha subìto svariate modifiche che lo hanno allontanato dalla sua originale bellezza. Abbiamo quindi cercato di recuperare ed esaltare alcuni aspetti del progetto originale, dando nel contempo enfasi alla visibilità degli accessi dello stabile che conducono agli spazi della proprietà di Kryalos sgr posti ai primi tre piani, per permettere una gestione efficace degli accessi da parte dei futuri tenant.” 

“Kryalos – ha affermato Paolo Bottelli, CEO di Kryalos SGR – crede molto nella valorizzazione del centro di Milano che è oggetto di un’importante piano di rigenerazione e di pedonalizzazione e punta non solo su asset storici ma anche su edifici più recenti che abbiano però una forte impronta e matrice architettonica come nel caso di Corso Europa 18. L’intervento effettuato ha permesso di rivitalizzare l’edificio creando anche una flessibilità di utilizzo degli accessi particolarmente importante nella nuova logica degli uffici.” 

L’edificio, i cui spazi si sviluppano dal piano terra fino al terzo piano per una superficie complessiva di circa 4.500 mq, si configura sul fronte di Corso Europa, come un volume vetrato di sette piani fuori terra ad uso uffici: al di sopra della pensilina che percorre l’intero prospetto tra il piano terra e il piano primo, si sviluppa un’unica superficie vetrata continua con serramenti a tutt’altezza, segnati ritmicamente dalla presenza dei pilastri interni. 

All’interno dell’edificio si snoda la Galleria Strasburgo, un sinuoso attraversamento pedonale, che conduce verso via Durini, sul quale si aprono le vetrine in cristallo curvato di alcuni negozi, installate su pareti piene rifinite a stucco veneziano e mosaico, decorate con singolari lampioni disegnati dal Caccia Dominioni. L’illuminazione diurna è garantita da un lucernaio ellittico, con formelle circolari in vetro, posto al centro della galleria e appositamente studiato per accompagnare i passanti lungo il percorso, che si caratterizza anche per la suggestiva pavimentazione in seminato policromo, realizzata dall’artista Francesco Somaini, raffigurante un complesso intreccio astratto di vortici. 

È inoltre in approvazione il progetto di riqualificazione dell’intera area per creare continuità tra Duomo, corso Vittorio Emanuele e piazza San Babila per arrivare a largo Augusto e, attraverso la riqualificazione di piazza Santo Stefano, fino all’area pedonale dell’Università Statale. 

Corso Europa verrà trasformato in una zona a traffico limitato riservato al trasporto pubblico e ai taxi, sarà a senso unico di marcia e verrà realizzata una nuova pista ciclabile.

L’obiettivo è valorizzare la vocazione pedonale dell’area riprendendo il progetto di Caccia Dominioni. 

La commercializzazione dei nuovi spazi è stata affidata in esclusiva a Prelios Agency e CBRE Italy.

Maggiori informazioni sul sito www.europa18.it 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.