"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sempione – Riqualificazione di Corso Sempione: maggio 2021

Ecco il primo passo per la riqualificazione di Corso Sempione. A partire dal marzo scorso sono stati creati i nuovi stalli per il parcheggio ai lati della carreggiata centrale del corso.

La riqualificazione interesserà Corso Sempione dall’incrocio tra via Melzi d’Eril con via Canova fino all’incrocio tra via Emanuele Filiberto con via Biondi.

In sostanza sono stati disegnati a terra i nuovi posti auto che hanno eliminato (in parte) il parcheggio selvaggio sinora utilizzato nelle aiuole e tra gli alberi. E’ stata creata anche una fascia protetta per consentire l’accesso alle vetture posteggiate tra le aiuole e le auto parcheggiate. La fine di questi interventi è prevista per maggio. A quel punto partiranno i lavori strutturali di riqualificazione. La conclusione di tutta la riqualificazione di Corso Sempione è prevista per la primavera del 2022.

Corso Sempione, Sempione, Arredo urbano, Verde Pubblico, Pista Ciclabile

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


14 thoughts on “Milano | Sempione – Riqualificazione di Corso Sempione: maggio 2021

  1. Anonimo

    Ma per quale stravagante artifizio riqualificare una strada o una piazza ha ormai assunto il significato di pitturarla in modo psichedelico disegnando corsie ciclabili amminchia?

    1. Anonimo

      Sono circa 25 anni che il “nuovo” (si far per dire) codice della strada richiede di usare il giallo per la segnaletica orizzontale quando ci sono lavori in corso. Aggiornati.

  2. Andrea

    Ti conviene andare da uno psicoterapeuta perché qua nessuno può conoscere gli artifizi che stanno nella tua testa e che ti fanno vedere corsie ciclabili amminchia dove invece sono presenti degli spartitraffico provvisori.

  3. Fausto

    Avevamo un viale degno di questo nome: ampio e scorrevole. Sono bastate 4 righe x terra per stringerlo a budello. Idee più serie no? Ne parliamo dopo il primo motociclista centrato dalla solita portiera aperta senza testa!

    1. Anonimo

      Cioè, la tua idea di viale cittadino è un’autostrada con le auto accatastate sotto gli alberi? Per fortuna la città sta andando in un’altra direzione

      1. Fausto

        I soliti partiti presi. Il futuro é contemperare parcheggi fatti bene con mobilità alternative e traffico scorrevole. Mi dite a cosa serve il marciapiede sul controviale senso uscita dalla città che non usa nessuno. Si potevano ricavare lì i parcheggi a spina di pesce ed eliminare così quelli selvaggi. Triplo scalino a protezione delle aiuole. Problemi sicuramenti attenuati. Tra parentesi io uso solo la bici in città ed in particolare in corso Sempione la mancanza di ciclabile non l’ho mai sentita.

        1. Anonimo

          I parcheggi fatti bene sono i parcheggi che non si fanno. Perché più parcheggi fai e più auto attirerai. Ed è in assoluto la cosa migliore non attirare auto nel pieno di una città.

          Si chiama legge della domanda indotta, prova a cercarla su google e viene spiegato benissimo in tanti studi che si fanno dagli anni ‘60 ma che sono, all’inizio, un po’ controindicativi per tutti i bias cognitivi di cui soffre il nostro cervello.

    2. Anonimo

      Eh si poveri motociclisti, che vanno a 100 all’ora in città, fanno slalom tra le auto e sorpassi azzardati e ti regalano quei 100 e passa decibel quando sfrecciano con i loro potenti bolidi per compensare molto meno potenti dotazioni..
      la città va plasmata è progettata per i motociclisti, ottimo, mi sembra la cosa migliore per far vivere tutto il resto della popolazione serena.

  4. Anonimo

    Avanti tutta. Dobbiamo eliminare la sosta selvaggia. E fare di Milano una città vivibile, ordinata e bella. Milano è bella quando cambia e non si nasconde

  5. Roberto

    Quanto è stato fatto finora non rende l’idea di una città vivibile ,ordinata e bella. Aspettiamo di vedere la conclusione dei lavori ma se il bel tempo si vede dal mattino…

  6. Vebastian Settel

    Fine lavori prevista per Maggio mica tanto, a che punto sono con sti lavori? Passato di recente e le auto sono ancora sulle aiuole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.