"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano – Porta Nuova – Avviata la rimozione dei vecchi binari in via Palestro

Le ultime vetture a transitare in via Palestro furono nel 1970 il 4, 17, e poi il 38. Fino al dicembre 1964 a queste si aggiungeva anche il 27. Questo per rimanere agli ultimi 50-60 anni. Vi furono sempre 4-5 linee a percorrere via Palestro da quando venne resa percorribile dai tram nel dicembre del 1906.

Poi, per l’appunto, dal 1970 i tram non sono più passati da questa via che unisce Piazza Cavour con Corso Venezia. Così, dopo tanti anni, il Comune ha deciso di rimuovere i vecchi binari in disuso, assieme all’armamento e ai masselli di pietra che venivano stesi ai lati della strada ferrata.

Da qualche giorno sono in corso i lavori e come si vede, una buona parte è stata già rimossa.

Intervento che, per molti appassionati di trasporti urbani è un colpo al cuore (speranzosi di un ripristino delle vecchie linee e percorsi), per molti appassionati di storia di Milano è come aver cancellato un altro pezzo della città e per i molti ciclisti e motociclisti, invece, un sollievo, vista la pericolosità dei binari e il disturbo che recano i masselli.

A nostro parere, i vecchi binari inutilizzati andrebbero rimossi ovunque, vista la pericolosità, ma certe vie “storiche” andrebbero preservate con il pavé, come in questo caso, specie davanti alla Villa Reale. Poi, nei sogni sarebbe bello che via Palestro diventasse pedonale e non più percorribile, soprattutto nella parte antistante il monumentale palazzo, così da “fondere” assieme i due parchi.

Referenze fotografici: Roberto Arsuffi

Informazioni: Ringrazio gli amici di Skyscrapercity

Tag: Porta Nuova, Porta Venezia, Via Palestro, Tram, Pavé, Masselli, Binari, Rotaie, Piazza Cavour, Corso Venezia

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano – Porta Nuova – Avviata la rimozione dei vecchi binari in via Palestro

  1. Anonimo

    “sarebbe bello che via Palestro diventasse pedonale e non più percorribile, soprattutto nella parte antistante il monumentale palazzo, così da “fondere” assieme i due parchi.”

    Ci penso sempre anch’io quando ci passo! Sarebbe bello davvero, o almeno allargare molto i marciapiedi, metterci una ciclabile e rendere vietato il parcheggio.

    Le auto davanti alla villa Belgioioso Bonaparte sono un insulto. È ora di procedere con una seria razionalizzazione e limitazione dei posti auto in superficie davanti ai palazzi storici. La città parcheggio non ha più senso di esistere.

  2. Gabriele dell'Oglio

    Terminato nel 1970 il servizio ordinario, l’itinerario da p.za Cavour a v.le Piave (Cavour-Palestro-Venezia-Borghetto-Majno-Morelli-Piave) rimase armato almeno fino al 1972.
    Fu infatti usato per esporre il prototipo di tram articolato 4801 proprio in Via Palestro, in occasione di una manifestazione per il trasporto pubblico tenutasi il 10/2/1972.
    http://www.clamfer.it/10_Tram/Tram_Milano/Foto%203.jpg

  3. giuliano

    Finalmente e speriamo che venga sistemata a dovere la via! Come sempre siamo sotto elezioni……….ma ben vengano questi interventi attesi da decenni.

  4. Milano è un mosaico di Ville, Parchi e Giardini

    Milano è un mosaico di Ville, Parchi e Giardini. Là dove esistono ancora nonostante tutto andrebbero ESALTATI. Quindi la sola pedonalizzazione della strada non basta. Andrebbero ricuciti parco e Villa Reale senza interruzione di continuità. Ridisegnando le prospettive, i viali e i prati e mettendo al centro la facciata della Villa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.