"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Eventi: la Design Week ci ha fatto sentire di nuovo vivi

Sono passati quasi due anni da quando una pandemia mondiale ha cambiato completamente il nostro modo di vivere. Ora, dopo mesi di incertezze e false speranze, Milano sembra lentamente tornare la città viva che era e ha iniziato a farlo partendo dall’evento che più di tutti ne rispecchia l’anima e lo spirito. Così la Design Week ha rappresentato il primo vero grande evento dell’era post-Covid.

Per chi ha vissuto il Salone del Mobile e gli eventi del Fuorisalone prima che una pandemia mondiale sconvolgesse completamente il nostro modo di vivere, vedere finalmente le vie di quartieri come IsolaTortona Brera di nuovo vive è stato come tornare a respirare dopo mesi di apnea.

Chiaramente, il programma della Milano Design Week è stato molto più ridotto rispetto al consueto, ma questo – speriamo con tutto il cuore – ha rappresentato la vera ripartenza, il primo grande passo verso il ritorno ad una normalità che finora abbiamo solo sognato e sperato.

La sensazione che un po’ tutti abbiamo avuto durante questa ultima settimana è stata quella di aver vissuto un lungo incubo, fatto di piazze deserte e serrande abbassate, per poi esserci risvegliati all’improvviso ritrovandoci nella città che tanto amiamo, fatta dei suoi piccoli e grandi eventi, dei suoi quartieri e delle persone che ne rappresentano la linfa vitale.

Riuscire – in un momento di paura – a rendere attrattiva una grande città ed un evento (che, al di là del Fuorisalone, resta comunque prettamente fieristico) è un enorme risultato dei suoi organizzatori, di tutto il settore del design e degli arredi, oltre che delle istituzioni che ne hanno permesso lo svolgimento.

Non dimentichiamoci che il settore fieristico, che normalmente nel nostro paese generava oltre 20 milioni di visitatori all’anno e affari per 60 miliardi di euro(che posizionavano l’Italia come quarto paese al mondo), è stato uno dei più colpiti dalla crisi che la pandemia ha portato con sé.Qualche numero? Il solo Salone del Mobile 2021 (ribattezzato Supersalone per il grande ritorno dopo più di un anno di stop) ha attirato oltre 60 mila spettatori provenienti da 113 paesi in soli sei giorni di manifestazione, di cui il 47% provenienti dall’estero. La Triennale di Milano ha contato invece 35 mila visitatori, tanto da decidere di prorogare la mostra attinente la settimana del design. I dati sono nettamente inferiori a quelli ai quali eravamo abituati (il Salone normalmente accoglieva 400 mila visitatori), ma se pensiamo che ci troviamo ancora nel bel mezzo di una emergenza sanitaria che interessa il mondo intero, assumono un valore che va ben oltre il semplice conteggio.

Questi numeri, inoltre, non tengono conto della platea digitale90 mila utenze giornaliere hanno potuto usufruire dell’inedito format di quest’anno, che ha puntato moltissimo sulla partecipazione virtuale, ovviando così alla difficoltà di accogliere subito una quantità di pubblico troppo alta in tempi di Covid. La condivisione del Salone tramite streaming, podcast e social network ha permesso così di ampliare e diffondere ulteriormente l’evento e questo, promettono gli organizzatori, diventerà consuetudine durante tutto l’arco dell’anno. Questo non potrà mai sostituire la partecipazione fisica, ma in un tempo in cui il contatto fisico deve purtroppo e necessariamente essere limitato, puntarci sopra ha avuto ed avrà i suoi vantaggi.

Il risultato della manifestazione è stato acclamato anche dalla stampa estera, tanto da averla resa un modello al quale fare riferimento per i prossimi eventi a livello internazionale.

Il nostro plauso va quindi a Maria PorroClaudio Feltrin e Stefano Boeri, che hanno deciso di prendersi una enorme responsabilità, mettendo la faccia nell’organizzazione di un evento che avrebbe chiaramente portato con sé tanti rischi e tante polemiche. Per di più, stiamo parlando di un evento che normalmente viene gestito anno per anno, che per questa edizione ha invece avuto conferma solamente quattro mesi fa, con la nomina di Boeri come curatore.

Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro coordinato tra il Comune di Milano e gli organizzatori, che hanno lavorato sotto una comunità di intenti che troppo spesso è mancata negli ultimi mesi dal punto di vista istituzionale, anticipando quelle che sarebbero state le problematiche per allestimenti, visite e trasporti nei diversi e possibili scenari della situazione sanitaria.

La Milano Design Week è stata l’occasione (riuscita) di dimostrare al nostro paese e al mondo intero – ma anche e soprattutto agli scettici – come sia possibile organizzare e svolgere un evento di enorme portata in tutta sicurezza, anche in un periodo di incertezza come è ancora (purtroppo) quello attuale.

Non volendo addentrarci in sterili discorsi su vaccini e Green Pass (per i quali, tra l’altro, l’organizzazione ha anticipato il governo nella obbligatorietà durante la manifestazione), questo evento ha palesato sopra ogni inutile polemica come sia possibile rispettare le regole senza dover rinunciare alla propria libertà e senza invadere quella degli altri.

Con il giusto buon senso e una buona dose di consapevolezza, per tante persone è stato possibile partecipare ad eventi, mostre, seminari ed aperitivi sparsi per tutta la città, tornare nei musei, scoprire palazzi storici della propria città, portando vantaggi non solamente agli attori del settore design-arredo, ma a commercianti, albergatori e ristoratori che in questi mesi hanno sofferto la mancanza di pubblico e turismo.

Durante questo lungo periodo di riflessione, noi di UrbanFile abbiamo affrontato tematiche e dibattiti per capire quali saranno le direzioni da prendere per rispondere ai limiti e alle criticità che città come Milano hanno mostrato negli ultimi due anni. La speranza è che questo confronto non si fermi, ma che anzi colga al volo occasioni come quella della Design Week per mettere in pratica le tante e buone idee che sono state avanzate in questi mesi.

La Milano che ha accolto con entusiasmo questo evento è una città che timidamente sta cercando di cambiare: più verde, più tavolini in strada, più ciclabili. Così, rispetto a due anni fa, le politiche green che già erano state messe in atto (non senza poco scetticismo generale) hanno subìto una accelerazione grazie ad una maggiore consapevolezza acquisita, complice una situazione che era diventata sì insostenibile, ma che purtroppo ha avuto bisogno di un evento inaspettato e tragico per palesarsi ancora di più sotto gli occhi di tutti.

Nei prossimi anni sarà necessario guardare al futuro senza però dimenticare tutto quello che è successo in questi mesi, facendo tesoro degli errori fatti e cercando differenti soluzioni e nuovi modelli che possano rendere più sostenibile il nostro stile di vita e il nostro modo di abitare le città. Quello che si prospetta, crediamo, è un periodo di transizione che porterà ad un nuovo equilibrio tra queste esigenze e le peculiarità di ambienti ad alta densità abitativa abituate a grandi eventi pubblici.

Il Salone del Mobile ed il Fuorisalone del 2022 riprenderanno il loro consueto posto nel calendario il prossimo aprile. Secondo Boeri sarà essenziale puntare sulla qualità piuttosto che sulla quantità, in quanto questa ultima edizione ha dimostrato come non siano necessarie grandi cose per creare un evento attrattivo e allo stesso tempo ben fatto, e che un format più ridotto ma meglio organizzato permette anche un migliore controllo dal punto di vista organizzativo e più inclusività per il pubblico. Le soluzioni adottate per l’organizzazione degli stand e degli spazi nell’ambiente-fiera e all’esterno di essa ha inoltre posto le basi per creare un modello esportabile a tutti gli eventi fieristici futuri, con una maggiore diversificazione degli spazi e migliore fruibilità e vivibilità da parte dei visitatori.
Nelle prossime settimane Milano tornerà ad essere la sede degli altri eventi che caratterizzano la stagione autunnale del programma Week & City 2021, del quale vi riportiamo il calendario aggiornato:

13-19 Settembre 2021Milano Art Week
21-27 Settembre 2021Milano Fashion Week
4-10 Ottobre 2021Milano Movie Week
17-21 Novembre 2021Milano Book City
22-28 Novembre 2021Milano Music Week
Dicembre 2021Milano Food City
Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Francesco Barbieri, classe 1994, è un ingegnere civile che opera nel campo dell’ingegneria strutturale e del Building Information Modeling. Si occupa inoltre di architettura, urbanistica, project management e sostenibilità. Dal 2016 è membro del team di ricerca di Bologna di A Vision Of Europe (AVOE), una associazione culturale che promuove la diffusione dei princìpi architettonici e urbanistici del New Urbanism. Nel 2019 si trasferisce da Ravenna a Milano, dove lavora con le principali società di architettura ed ingegneria della città. Dal 2020 collabora con Dodecaedro Urbano e UrbanFile per la pubblicazione di articoli del settore.


21 thoughts on “Milano | Eventi: la Design Week ci ha fatto sentire di nuovo vivi

  1. Anonimo

    Ma che ripartenza è che dobbiamo chiedere e ottenere il permesso per ogni cosa, anche la più semplice ivvia e banale?
    Altro che vivi, e sentirsi vivi per due briciole che ci vengono xoncesse a condizioni inaccettabili. mi viene in mente un verso della waste land di t.s. eliot. “Living and partly living”.
    Masse di gente vaganti con green pass e autorizzazioni e relativi controlli mi dà un senso di profonda tristezza. Un senso cadaverico e crepuscolare. Altro che sentirci vivi. Sveglia

    1. Anonimo

      Statevene a casa e lasciate che si goda la vita chi non si fa rovinare l’esistenza dal fatto di farsi fare uno scan sul telefono…

      Dal punto di vista pratico che differenza c’è con il controllo del biglietto su un treno o del timbro sulla mano in una discoteca? Poi se uno preferisce battaglie di principio bivaccando sul divano di casa e scrivendo messaggi sentendosi un fine pensatore, be my guest!

      1. Anonimo

        E ti sembra poco, soldato dell’obbedienza?
        Pure tu hai un limite, sappilo.
        Se non qualitativo, certamente quantitativo.
        Mi interessa indagare, a oggi, quale è.
        L’ispezione rettale?
        Muoverti saltando su un piede solo?
        Dover inviare una relazione dettagliata di ogni tuo movimento ad un’autorità?
        Concedere la moglie per legge pur di essere autorizzato muoverti e visitare i meravigliosi localini del fuori salone o cosevsimili (ovvero il ‘godersi la vita’ qui rivendicato).
        Coraggio, dimmi a cosa diresti: eh no, questo no.
        Mi interessa. Veramente. Ciao

        1. Anonimo

          Grazie maestro di libertà!
          Combatti per noi pure contro cinture di sicurezza e caschi obbligatori sui mezzi di trasporto a motore, e visto che vi sei magari anche contro la patente (qualcuno limita la mia possibilità di guidare imponendomi un esame e una verifica della mia abilitazione!) e persino il semaforo (limita la mia possibilità di liberamente attraversare la strada quando più mi aggrada!)

          Non sono anche queste ingerenze indebite nella mia vita, gabbie in cui non sono più totalmente padrone della mia esistenza?

          Il godersi la vita mi viene impedito da una di queste misure liberticide, mi rovina la serata trovare una luce rossa che mi blocca temporaneamente la marcia? Oppure la vita ti è sottratta da proteste risibili come la tua, Braveheart dei miei stivali, che griderebbe “Freedom” come squartato da un dottore con una siringa (riducendo di molto il rischio che il dottore non debba avvicinarsi a te con un ventilatore o avvicinarsi ai tuoi per comunicare loro che l’Eroe della libertà è passato a miglior vita)

          1. Anonimo

            Ok, bravo, incasso, tutto giusto, mi hai distrutto.
            Sì, maaaa…lo scontr… ehm il tuo limite?
            Qual è?
            Non hai risposto. Per me è importante.
            Grazie al tuo mess annichilente (al netto della prosa, come già rilevato da altri, non proprio cristallina) smetterò di combattere, ma non di studiarti.
            E poi, dai, rispondere è cortesia.

          2. Anonimo

            Poni il problema come un bambino di seconda elementare non tanto sveglio (meno male che suggerisci agli altri di aprire gli occhi)

            Il limite dipende dal rischio: se un’ispezione rettale, saltare su una gamba sola o riportare i miei spostamenti potessero salvare vite, mie o altrui, non avrei il minimo problema a farlo, non sentendo la mia libertà lesa in nessun modo. O al più limitata dal fattore di rischio, non certo dall’azione che il rischio lo mitiga. Sulla boutade elegante sulla moglie glisso perché -anche sforzandomi- non riesco ad immaginare il nesso con il potenziale beneficio

            E invece tu, Braveheart, correresti il rischio di andare al creatore piuttosto che non limitare la tua libertà assoluta? Quale è il tuo, di limite, e a fronte di quale rischio, oppure i tuoi principi eroici sono così solidi che non accetteresti alcun compromesso a prescindere dal beneficio?

            Ma alla fine tutto dipende dalla percezione del rischio: tu sei uno dei percentualmente pochi che ritengono che il problema attuale non giustifichi azioni di alcun genere, dai lockdown alle mascherine, dai vaccini al green pass. E cerchi di filosofeggiare sull’argomento ergendoti a difensore dello stile di vita minacciato da forze oscure e liberticide.

            Ma attenzione che il “senso crepuscolare e cadaverico” è tutto sommato meglio provarlo quando sei a spasso con il green pass durante la Design Week che in una terapia intensiva senza.
            Troppa gente se ne sta accorgendo a proprie spese

          3. Anonimo

            Game Set Match contro il No Vax convinto di essere più intelligente del creato… pagliaccio…

  2. Anonimo

    Esatto, è stato bellissimo risentire i turisti per le vie di Milano e sarà altrettanto bello partecipare agli eventi delle altre settimane a tema. Speriamo non vinca Bernardo dato che ha considerato questi eventi “inutili”.

    1. Anonimo

      Veramente ha detto che la Design week o la fashion week han senso perchè c’è una organizzazione dietro, ma se poi ogni settimana fai la “week” di qualcosa….ne ha meno.
      Qualcuno di voi è mai stato alla Milan Yachting Week? 🙂

      1. Anonimo

        La strada migliore per avere un’attrattivita’ su dodici mesi l’anno, senza avere magneti per visitatori come bellezze naturali o decine di monumenti famosi nel mondo, e’ di costruire un calendario di eventi

        E se ci la moda e il design si sono affermati negli anni (o meglio decenni) le nuove proposte devono avere lo spazio per crescere: qualcuna si dimostrerà inadeguata, da qualche altra nasceranno altri gioielli. Ironizzare precocemente è patetico

        1. Anonimo

          Tema che sarebbe sciocco affrontare con quattro battute in un commento.

          Il punto è che l’affermazione di Anonimo 14.12 è una bufala (altrimenti detta “fake new”, per gli amanti dei social 🙂 )

  3. Wf

    Io però ripartirei dalle normali biblioteche di Milano.

    Sono veramente troppo piccole.

    E inizierei ad impostare un grande piano per trasformarle in piccoli hub centri culturali polifunzionali.

    Per i vecchietti possono trovare ampie sale per leggere i giornali.

    Gli studenti piacevoli postazioni per studiare in silenzio e accesso da internet.

    Varie sale consultazioni libri, cd e dvd.

    Sale convegni e eventi cilturali.

    Corsi e incontri tematici.

    Qualche sala proiezione per eventi con supporto video.

    Etc

    È un investimento ma qui signori investiamo sul nostro futuro, sulla cultura, sui nostri quartieri per lottare contro limbarbarimento culturale e la desertificazione di attività nelle periferie e semiperiferie e anche il centro.

    La nostra vita non si può ridurre a puttanoni, supermercati, rolex, shopping district, struscio, e mettersi in posa per un selfie.

    Ricostruiamo il tessuto sociale e culturale e di comunità soprattutto a livello locale del proprio quartiere.

    Una rete di biblio centri culturali potenziata è il cosiddetto investimento per il presente e per il futuro.

  4. Luca

    Quanta tristezza leggere commenti di quella bassezza e superficialita’ contro una persona che esprime legittimamente un’ idea contraria alle linee guida totalmente ascientifiche e ricattatorie .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.