"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Romana – Villaggio Olimpico: fine gennaio 2022

Aggiornamento di fine gennaio dal sito per il cantiere del futuro Villaggio Olimpico in costruzione nell’ex Scalo di Porta Romana sul lato di via Ripamonti. 

Come si vede, sono ancora in corso le bonifiche e l’area di cantiere è stata anche cintata. Inoltre, la vecchia officina dei treni è stata scoperchiata. Sono le palazzine che saranno preservate e integrate nel progetto del villaggio Olimpico. Qui link al Masterplan di Scalo Romana.

L’area verso Fondazione Prada pare sia già stata ben setacciata e bonificata (ricordiamo che questo era uno scalo ferroviario, solcato da materiali ferrosi e quant’altro di industriale per anni).

Referenze fotografiche: Duepiedisbagliati

Villaggio Olimpico, Milano 2026, Olimpiadi Invernali 2026, Scalo Romana, Porta Romana

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Porta Romana – Villaggio Olimpico: fine gennaio 2022

  1. Fab

    Ma non mi è chiaro,
    il villaggio olimpico che ospiterà gli atleti verrà sottoposto a un bando di architettura o costruiscono quei capannoni che vediamo da rendering?

    Perché se così fosse iniziamo male,
    va bene che porta romana sua una zona della Milano industriale
    ma creare un tessuto urbano nuovo con dei capannoni camuffati come strutture moderne e all’avanguardia anche no!

    Milano città del design, crediamoci sul serio !!!!

    1. Anonimo

      Scusa ma che razza di commento è??

      Ma se stanno iniziando i lavori è ovvio che c’è un progetto esecutivo e la fase dell’eventuale concorso è superata da un bel pezzo.

  2. Anonimo

    Ma davvero pensano di finire in tempo per i Giochi? Considerando che in via Crivelli hanno impiegato 4 anni per abbattere e tirare su UN palazzo, auguri…

  3. GArBa

    capannoni? gli unici capannoni che ci sono nel definitivo sono quelli dello scalo che vengono recuperati e di cui si parla nell’articolo. Gli altri sono dei moderni edifici che solo nella sagoma vogliono richiamare i capannoni preesistenti, quindi esattamente l’opposto di quanto dice Fab, non sono capannoni camuffati da strutture moderne ma strutture moderne che richiamano la linea dei capannoni. Si può discutere sulla filosofia dell’operazione, ma di certo non si parte male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.