"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Crescenzago – Cantiere Welcome via Rizzoli 2: marzo 2022

Aggiornamento di marzo dal cantiere per i lavori di bonifica degli ambienti ex industriali del complesso Rizzoli a Crescenzago.

Come abbiamo visto, lo scorso anno è stato presentato Welcome-Terrazze Verdi, il grandioso progetto per un nuovo edificio per uffici firmato dallo studio giapponese Kengo Kuma and Associates (Yuki Ikeguchi @ Kengo Kuma and Associates) + (Carlo Pession @ Studio Pession Associato).

L’edificio in fase di smantellamento è rimasto vuoto e in abbandono per anni, portando degrado in zona. Si tratta del palazzo A della Rizzoli Corriere della Sera, edificato tra il 1957 e il 1960 su progetto di Piero Portaluppi.

Sul retro proseguono le demolizioni del vecchio edificio industriale.

Referenze immagini: duepiedisbagliati

Crescenzago, Parco Lambro, fiume Lambro, Kengo Kuma and Associates, Welcome, feeling at work, Welcome, via Angelo Rizzoli




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


2 thoughts on “Milano | Crescenzago – Cantiere Welcome via Rizzoli 2: marzo 2022

  1. Wf

    La cosa bella è che adesso gli immobiliaristi si stanno rivolgendo alle periferie…

    E au siti di capannoni/vecchie industrie stabilimenti abbandonati da trasformare in residenziale.

    Fa ben sperare per il futuro della città.

    Bisogna essere sempre ottimisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.