"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Centrale – Al posto dell’Hotel Michelangelo una torre di 94 metri

L’iconico Hotel Michelangelo di Piazza Luigi di Savoia 6 e via Domenico Scarlatti 33, nel distretto della Stazione Centrale, come già risaputo dallo scorso anno, lascerà il posto ad una nuova torre di 94 metri (grosso modo alta come la torre UTC ormai famosa col nomignolo di Pirellino, che è alto circa 90 metri.

Per ora si sa solo l’altezza e che il vecchio Hotel Michelangelo (ora di proprietà del gruppo immobiliare Finleonardo) sarà demolito, mentre il progetto della nuova costruzione sarà divulgato il prossimo mese di maggio. Naturalmente si conosce già lo studio d’architettura, Park Associati con Michele Rossi e Filippo Pagliani, che, a quanto pare, ha progettato la nuova torre per uffici con una facciata vetrata composta da elementi a rilievo, che alterneranno opacità e trasparenze culminando nella cuspide che porterà la torre appunto ai 94 metri, circa un terzo in più rispetto agli attuali 60 metri. Slancio in altezza significa potere liberare il suolo sottostante per lasciare spazio ai pedoni e si spera a qualche albero in più.

Apparentemente l’operazine verrà fatta senza il ricorso a bonus volumetrici, che di legge si potrebbero richiedere, anche se ci sembra strano, data il consistente aumento in altezza. Certo rimodellando la distribuzione delle volumetrie tecnicamente potrebbe essere possibile, oppure probabilmente la società avrà acquistato dal Comune anche la piccola piazzetta utilizzata come parcheggio dall’hotel che era stata messa in vendita, acquisendone anche i relativi diritti di superficie. Aspettiamo comunque di vedere il progetto nel dettaglio, quando sarà presentato, per capire meglio cosa è stato fatto.

Grazie anche agli oneri di urbanizzazione, il nuovo cantiere rigenererà anche la sottostante Piazza Luigi di Savoia (foto di seguito), oggi un vero e proprio disastro urbanistico pieno di problematiche (parcheggi diffusi e senza ordine, manufatti da rivedere e sistemare, aiuole inesistenti).

L’Hotel Michelangelo è un palazzo costruito tra il 1958 e il 1969 (rimase incompiuto per diversi anni) alto 17 piani (circa 60 metri) con 306 camere spaziose (ultimamente ne aveva in uso 290 circa). Realizzato col classico disegno International Style, presenta, ancora per poco tempo, una base di due piani in pannelli e una parte elevata di 15 piani rivestiti in clinker color mattone. Sul retro, negli anni Novanta venne aggiunta una brutta scala antincendio. La sommità del grattacielo venne inoltre utilizzata a partire da metà anni Settanta per l’istallazione di antenne radio e televisive, smantellate nel 2000. Durante i primi mesi di pandemia da Covid 19 nel 2020, l’hotel venne utilizzato come primo hotel convertito per ospitare chi doveva affrontare la quarantena dopo esser stato infettato.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

Hotel Michelangelo, Piazza Luigi di Savoia, via Domenico Scarlatti, Centrale, Grattacielo, Riqualificazione, Demolizione, Park Associati

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


29 thoughts on “Milano | Centrale – Al posto dell’Hotel Michelangelo una torre di 94 metri

  1. Anonimo

    Ottimo, un altro pezzo di città recuperata. Per la piazza da sistemare con le opere di urbanizzazione spero facciano i doppi gradini nei cordoli così da impedire il parcheggio abusivo visto che sotto la Stazione hanno appena aperto un parcheggio di 400 posti auto

    1. Anonimo

      Concordo. L’esperienza dei numerosi parcheggi a pagamento perennemente semivuoti in giro per Milano ci insegna che non basta creare i posti auto e sperare che si riempiano spontaneamente.

      Finché l’alternativa è fra 30-50 euro al giorno CERTI di parcheggio e max 50 di multa IMPROBABILI una volta al mese in un parcheggio “spontaneo”, è ovvio che molti automobilisti continueranno a preferire il secondo.

      Tempo fa ho portato l’esempio del parcheggio sotterraneo di viale Restelli, che utilizzo spesso in orari diversi e che trovo SEMPRE semivuoto (un utente mi ha risposto che non è così, ma questa è la mia esperienza e la confermo), mentre in superficie le auto sono parcheggiate ovunque in divieto, sui parterre tra pista ciclabile e carreggiata, anche in corrispondenza degli attraversamenti pedonali.

      Al che uno si potrebbe chiedere come mai sotto una sede istituzionale come Palazzo Lombardia non ci siamo vigili a dare multe a raffica, ma tant’è.

      Del resto, come dico sempre, se anche in paesi con molto più senso civico del nostro come UK e paesi nordici ci sono dissuasori ovunque, facciamoci delle domande.

    1. Anonimo

      Eh, speriamo bene che a questo giro abbiano proposto qualcosa di più del compitino (che gli riesce anche bene, ma a volta sa tanto di copia/incolla del loro portfolio)

  2. Anonimo

    Contento se sistemeranno il disastro del parcheggio selvaggio della zona ma ho poche speranze.

    Ormai le auto a Milano hanno vinto e ha vinto la maleducazione. Se nemmeno una giunta di centro sinistra che si reputa tanto green non riesce a impedire la sosta selvaggia di auto e moto non vedo cosa ci si deve aspettare.

      1. Anonimo

        La realtà è che Milano ha il più basso rapporto auto/abitanti tra le grandi città italiane, in costante diminuzione da anni. Per carità, siamo lontani anni luce dalle grandi città europee, ma la direzione è quella giusta. Quindi, che conto avrebbe presentato la realtà? Quando c’era la Moratti la sosta selvaggia non esisteva?

      2. Anonimo

        Quale sarebbe il conto? Milano ha il rapporto auto/abitanti più basso tra le grandi città italiane. Per carità, siamo ancora lontani anni luce dalle grandi città europee, però la direzione è quella giusta. Certo, finché ci sono persone come lei sarà difficile cambiare in meglio.

        1. Anonimo

          In più, il rapporto sopracitato è in continuo miglioramento da anni, forse le politiche arrivare dal comune a qualcosa servono.

          1. Anonimo

            Io vedo una situazione deprimente.
            Auto ovunque sempre di più
            Doppia fila perenne
            Semafori non rispettati
            Furgoni fuori controllo
            Insicurezza totale per gli utenti deboli a meno che non siano protetti da una ciclabile o invadano i marciapiedi.

            Ma se le statistiche dicono che le cose migliorano e siamo al top d’Italia….ci credo 🙁

          2. Anonimo

            Attenzione, non ho scritto che la situazione è perfetta. Dico che intanto le azioni del
            comune stanno portando i milanesi a comprare e ad utilizzare meno l’auto. Il lavoro da fare è ancora enorme. Però dire che la realtà presenta il conto perché si sono tolti parcheggi e ristrette alcune strade è ridicolo. La maleducazione degli italiani e il loro menefreghismo verso il prossimo sono fatti ben noti. Di certo il Comune dovrebbe essere più forte e attuare una politica di tolleranza zero. Questo è il problema, non di certo l’eliminazione dei posteggi.

          3. Anonimo

            A me le cose sembra che nel migliore dei casi rimangano uguali a 20 anni fa.

            Ma in realtà peggiorino, io un caos del genere quando ero più giovane non lo ricordo.

            Che poi le auto pro capite diminuiscano in fondo importa relativamente: l’importante è la qualità della vita e quella non sta migliorando temo.

          4. Anonimo

            Ma cosa c’entra? In assenza di argomentazioni si portano nozioni a caso. La qualità della vita non aumenta perché in Italia gli stipendi negli ultimi 20 anni, non solo non sono aumentati ma sono diminuiti. La qualità della vita peggiora per questo, non perché le tolgono due parcheggi, ma per favore.

          5. Anonimo

            Ma che cosa c’entra? In assenza di argomentazioni si fa un minestrone di nozioni. La qualità della vita non aumenta perché in Italia negli ultimi 20 anni gli stipendi non solo non sono aumentati ma sono diminuiti, unico caso in Europa. Un reddito basso in questa società fa diminuire la qualità della vita, non l’assenza di posteggi. Ma per favore.

          6. Anonimo

            Io penso questo:

            “10+ anni di togli parcheggi, stringi le strade, tanto i traffico “evapora”.

            Poi la realtà presenta il conto…”

            Poi argomentate quanto volete con millemila messaggi, ma la realtà presenta sempre il conto lo stesso.

        2. Anonimo

          è arrivato l’allocco di turno, ingurgita per bene le stronzate propagandiste che ti raccontano. poi un giorno ti renderai conto della falsità.

          1. Anonimo

            Bisogna toglierne di più di parcheggi, altro che.
            La giunta deve essere più coraggiosa e fare di più per fermare la auto anche in ingresso in città. I mezzi ci sono e hanno ampi margini di crescita. Area B e C è giunto il momento che siano inasprite.

          2. anonimo

            chi dice che i mezzi in ingresso città ci sono, non usa i mezzi tutti i giorni per entrare in città.
            Fatevi un giro per un mesetto e poi ne riparliamo, fenomeni!

  3. Sandro

    Speriamo sia più alto di 94 metri !! Almeno 110 metri 🙄 un grattacielo da 150 metri sarebbe una cosa bellissima in quel punto della città

  4. Anonimo

    A proposito di parcheggi selvaggi avete visto cosa è diventato corso Sempione???
    Meno male che avrebbe dovuto essere riqualificato.. qua il nostro sindaco si dovrebbe veramente vergognare!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.