"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sella Nuova – Aggiornamento SeiMilano: fine luglio 2022

Aggiornamento fotografico di fine luglio 2022 dal cantiere di SeiMilano in costruzione nel distretto di Sella Nuova in via Bisceglie e via dei Calchi Taeggi, in prossimità della Stazione M1 Bisceglie. Sempre nel grande progetto del nuovo quartiere sarà ricavato un nuovo grande parco pubblico che coprirà una vasta area del complesso, sino al confine comunale con Cesano Boscone.

Il progetto, a firma dello studio Studio Mario Cucinella Architects (MCA), prevede la realizzazione di circa 1000 residenze, in edilizia libera e convenzionata, 30.000 mq di uffici e circa 10.000 mq di funzioni commerciali. Il nuovo parco pubblico di oltre 16 ettari, sarà progettato dal paesaggista Michel Desvigne. Lo sviluppo è frutto della partnership tra Borio Mangiarotti e Värde Partners.

Qui di seguito alcune immagini dell’area di Park West, il comparto terziario in fase di realizzazione nella parte Nord-Est del complesso, dove la via Bisceglie si incrocia con via dei Calchi Taeggi in direzione della stazione della M1 Bisceglie. Il progetto è sempre di MCA, mentre la proprietà in questo caso è di Dea Capital Real Estate SGR, che ha selezionato Dils e Jll in qualità di broker.

Si tratta di 3 edifici a destinazione terziario/commerciale più un parcheggio interrato:
TOWER A (16 piani – 16.506mq)
TOWER B (10 piani – 10.989mq)
TOWER C (7 piani – 7.260 mq)

progetto architettonico: MC A – Mario Cucinella Architects
progetto strutturale: Milan Ingegneria spa
progetto impiantistico: Studio Ferrari e Braccajoli – Curtatone, MN
direzione lavori: Starching srl
responsabile lavori arch. Claude Raymond Van Steenwinkel per Starching srl
direzione lavori strutture: ing. Filippo Valaperta per FVProgetti srl
direzione lavori impianti: ing. Gigi Marazzi per Studio Planning srl – Monza, MB
progetto facciate: Eurodesign sas – Arluno, MI

Mentre queste sono le residenze distribuite lungo l’asse parallelo a via Bisceglie.

Si tratta della costruzione di 13 edifici residenziali.

progetto architettonico: MC A – Mario Cucinella Architects
progetto strutturale: Milan Ingegneria spa
progetto impiantistico e direzione lavori impianti: Coprat soc coop – Mantova, MN
direzione generale e lavori strutture ing. Ernesto Boccalatte per BorioMangiarotti

Spacchettato il primo edificio, F4, si vede F3 e stanno togliendo le impalcature anche da F1.

Lungo via dei Calchi Taeggi è in fase di sviluppo il Lotto 4, sempre RESIDENZIALE formato da 11 edifici di varie altezze (progettista e progetto per il momento non sono noti). Le torri saranno così realizzate, 5 sul lato Nord da 30 piani per un altezza di circa 90 metri, e 6 poste a sud del lotto di 20 piani per un’altezza di circa 60 metri.

Qui siamo invece nell’area commerciale posta lungo la via Bisceglie verso il Lorenteggio. Non hanno ancora finito di demolire l’ufficio vendite (struttura in legno) ma sono già avanti con le fondamenta della zona commerciale e pare abbiano tracciato già il parcheggio.

Referenze immagini: Duepiedisbaglaiti

Sella Nuova, Sei Milano, Via Bisceglie, Via Calchi Taeggi, Via Parri, Baggio, Mario Cucinella Architects, Borio Mangiarotti, Värde Partners

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


15 thoughts on “Milano | Sella Nuova – Aggiornamento SeiMilano: fine luglio 2022

    1. Anonimo

      Concordo speculazione edilizia degna dei più brutti anni 70… l’amministrazione comunale come può concedere tale scempio?

  1. Massimo

    Io le avrei avvicinate ancora di più, così da risparmiare tempo e andare nell’edificio di fronte senza scendere e salire.

    1. ER

      Le distanze minime sono rispettate. Inoltre ci sono le impalcature intorno ai palazzi e creano un effetto visivo distorto. Non so dove abiti Lei, ma in città i palazzi sono vicini. Non siamo in campagna.

  2. L.

    Scusate ma dove sarebbe la speculazione edilizia. Si sta densificando un’area intorno a un capolinea della stazione metropolitana, come si fa in tutto il mondo. Tutto ciò arricchito da un nuovo parco, vi assicuro che non è necessario scagliarsi a priori contro qualsiasi nuova edificazione.

    1. Anonimo

      Ma infatti mi sembra tutto meno che una speculazione edilizia.
      L’unico problema sono quei capannoni industriali tutti intorno che dovrebbero essere sostituiti con qualcosa di più gradevole

  3. Rocs

    L’unica cosa incomprensibile sono i nuovi palazzi per uffici… la zona è già semi abbandonata da lavoratori. Gia da prima della pandemia c’erano grattacieli semivuoti. Chissà se son gia locati o li metteranno in affitto come gli altri

  4. Maurizio

    Fino a che non ho letto area commerciale mi stavo preoccupando, ora sono sereno: alveare/formicaio nel nulla ma a prezzi da bolla, finto parco tanto per soddisfare la coscenza green, centro commerciale. Cosa pretendere di più?

    1. Felice

      Le persone semplici che si preoccupano e si rasserenano per così poco… beato te che vivi bene Maurizio e che con questi commenti riciclati ti passi le serate.

  5. Wf

    Abbiamo semore detto che bisogna costruire lungo i mezzi di trasporto pubblico e dare saozio anche al verde…

    Ora che lo fanno vi lamentate?

    La gente deve comunque trovare casa da qualche parte.

    Mica possono tutti vivere in corso buonarruoti

  6. Andrea

    Io invece vorrei porle un’altra domanda: a che pro continuare a costruire nuovi quartieri residenziali visto che, dati alla mano, la popolazione italiana è destinata a dimezzarsi entro il 2100? Non ha più senso riqualificare l’esistente? Come consumo di suolo la Lombardia non è seconda a nessuna regione europea, eppure continuiamo a costruire. La domanda sulla possibile speculazione edilizia sorge quindi a mio avviso spontanea. So benissimo che i bilanci dei Comuni senza le entrate di questi progetti, languirebbero, occorre quindi che si cominci a pensare ad un concetto di città nuova che non passi da semplici slogan (un milione di alberi) ma a qualcosa di più concreto che rendi la città vivibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.