"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Monforte – Restaurata e “riscoperta” Casa Zanoni, la casa del gatto nero

Da pochi giorni la facciata del palazzo di Corso Monforte 43 è tornata a splendere come nuova, soprattutto sono tornate a prendere le sei figure femminili che adornano il terzo piano dell’edificio.

Si tratta di Casa Zanoni realizzata in stile liberty nel 1889 dall’architetto Enrico Zanoni, artefice di altre costruzioni simili in città come ad esempio Casa Cavenago in Corso Lodi 11 (Porta Romana), Viale Bligny 60 (Porta Vigentina) e la più famosa Casa Donzelli in Via Torquato Tasso 8 (Porta Magenta).

Come per gli altri edifici realizzati su progetto di Zanoni, ricorre spesso il contrasto tra i materiali quali la pietra, anche artificiale, i mattoni in cotto a vista e l’intonaco, che in questo caso è stato anche affrescato che per la casa di via Tasso 8.

Infatti ad abbellire ulteriormente le decorazioni della facciata ci sono tre coppie di figure femminili dipinte da Osvaldo Bignami che rappresentano le Belle Arti e che con il restauro potato a termine recentemente, sono tornate vive più che mai. Erano decisamente malconcie, tanto che apparivano ai passanti ormai come delle ombre scure senza una vera forma.

Merito di questo recupero fantastico è della famiglia Zanoni ancora proprietaria dell’immobile e del bravissimo architetto Gaetano Radice Fossati.

Naturlaemtne non mancano gli splendidi ferri battuti di Alessandro Mazzucotelli, il quale, oltre che ingentilire i balconi, finestre e fregi vari (aquile stilizzate e mensole reggi balconi), in questo caso l’estro creativo del maestro del ferro battuto, ha prodotto un simpatico gioco creato da una figura metallica di un gatto, che leggenda vuole avesse anche un topolino (oggi scomparso), inserito come decorazione all’inferriata delle grate dello scantinato.

Una curiosità è data dalle lettere alfabetiche scolpite nel fregio dell’archivolto posto sopra al portale d’ingresso, che in maniera super stilizzata nasconde le lettere ZANONI, la firma dell’architetto. Infatti si scorgono bene due N, la Z, una A e una I raccordate all’intento di un cerchio che può essere benissimo una O. Ai due lati, sempre scolpiti nella pietra il N° e il 43.

Referenz immagini: Andrea Cherchi; Roberto Arsuffi

Porta Monforte, Corso Monforte, Architettura, Liberty, Alessandro Mazzuccottelli, Casa del Gatto, Curiosità, Casa Zanoni, Enrico Zanoni

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


One thought on “Milano | Porta Monforte – Restaurata e “riscoperta” Casa Zanoni, la casa del gatto nero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.