"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Scalo Farini – In arrivo il campus dell’Accademia di Brera: verde, aule e residenze

Ieri, lunedì 24 ottobre, è stato presentato il progetto allo Scalo Farini alla presenza, tra gli altri, della Presidente dell’Accademia, Livia Pomodoro, dell’assessore alla rigenerazione urbana del Comune di Milano, Giancarlo Tancredi, dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi e di Manfredi Catella, amministratore delegato di Coima.

Dallo scorso agosto sono in corso i lavori di bonifica per gli edifici del vecchio magazzino di smistamento presente al centro dell’ex Scalo Ferroviario di via Farini. La prima stecca sarà aperta entro due anni e si aggiungerà allo storico edificio del centro di Milano. Così gli studenti dell’accademia, circa cinquemila iscritti, il trenta per cento internazionali, dal 2024 saranno distribuiti sia qui, al nuovo campus sia in via Brera.

Infatti prendono il via a breve i lavori di riqualificazione del Lotto A e B dell’ex Scalo Farini, un’area di circa 15mila metri quadrati che ospiterà gli spazi didattici e gli studentati del nuovo Campus delle Arti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera.

Le attività di cantiere, che termineranno entro la fine del 2025, possono partire dopo il via libera del Consiglio di Stato sull’accordo di programma per la rigenerazione degli scali ferroviari, sottoscritto a giugno 2017 e frenato dal ricorso di alcuni residenti.

“Il magnifico palazzo di Brera, situato nel centro storico, non era pensato per ospitare i laboratori necessari – spiega il direttore dell’Accademia, Giovanni lovane, durante la conferenza stampa di presentazione dell’avvio dei lavori – . Da qui la necessità di creare nuovi spazi per i nostri studenti: laboratori moderni e contemporanei, progettati assieme al Politecnico di Milano, partner finanziario del progetto”.

Accanto agli spazi didattici sarà costruito uno studentato di 10mila metri quadrati per accogliere gli studenti fuori sede, che costituiscono il 30% degli iscritti all’accademia. Saranno alloggi che, sottolinea lovane, “vanno incontro anche alla difficoltà degli allievi di trovare studentati a prezzi calmierati”.

Il progetto, del valore di circa 12 milioni di euro, è finanziato per il 50% da Regione Lombardia, che ha stanziato sei milioni di euro.

Allo scalo Farini troveranno spazio i laboratori pesanti, come quelli di scultura e scenografia. Arriverà anche il dipartimento delle Nuove tecnologie per l’arte che oggi è ospitato all’istituto Zappa e anche la scuola di restauro che si trova attualmente ad Arcore.

«Il progetto complessivo, opera da cento milioni per i due lotti, 20mila metri quadrati, dovrà essere completato entro il 2026 per poter utilizzare i fondi del Pnrr — ricordano la presidente Livia Pomodoro e il direttore Giovanni Iovane prima di mostrare il piano —. I lavori sono stati avviati con i 20 milioni di finanziamento ottenuti da Regione Lombardia e Cassa depositi e prestiti».

Qui di seguito alcune immagini dell’edificio allo stato attuale.

Referenze immagini: Accademie di Brera, Roberto Arsuffi, Rai Tre Regione, Stefano Gusmeroli

Dergano, Via Farini, Accademie di Brera, Scalo Farini, Arte, Cultura,




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


9 thoughts on “Milano | Scalo Farini – In arrivo il campus dell’Accademia di Brera: verde, aule e residenze

  1. Maurizio

    Scusate, non ho capito, chiedo “a chi ne sa”: ma perché parte questa iniziativa e non tutto il resto dello Scalo Farini? Non aveva più logica fare tutto insieme?

  2. Fausto

    La risposta sta nella storia della gradinata verso piazza Gae Aumenti riportata in urbanfile. Coima non vuole giustamente attendere i tempi da era geologica del resto dell’intervento. Ben venga l’accelerazione sui luoghi dell’Accademia che ha urgente bisogno di nuovi spazi. Logico? Non è una parola che a Milano significhi qualcosa!

  3. Sandro

    Allo scalo farini costruiranno dal 2024 al 2033/34 la bellezza di 7 torri residenziali da 75/82/85/90/102/110/118 metri , 2 grattacieli multinazionali da 150 e 165 metri ,, tanti appartamenti sociali/comunali e tanti nuovi alberi e parchi per tutti i residenti 🙄

  4. Snap

    Da ex studente dell’accademia relegato all’istituto Zappa questo è un intervento urgente da troppi anni, la struttura dello Zappa non è idonea per spazio e attrezzature, e per periodi anche fatiscente.

  5. Anonimo

    La grande sfida di Milano è trovare uno stile architettonico no l’altezza dei palazzi, altrimenti ci troviamo palazzi orrendi tipo torre Milano.

    Io punterei su l’ architettura ricercata che rispetta la città ma bella esteticamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.