Milano | Porta Venezia – Completato via Bixio 17, ricostruito in stile (più o meno)

Milano Porta Venezia. Via Bixio 17 inizialmente doveva vedere la trasformazione e riqualificazione del vecchio stabile ottocentesco di edilizia operaia con un mix, anche interessante, tra vecchio e moderno, ma qualcosa è andato storto e, tra cambio di società e anni d’attesa, la facciata d’epoca è stata demolita e ricostruita completamente, risultando un po’ non così attendibile come ci auguravamo.

I lavori infatti erano iniziati nel 2020 col progetto le Corti di Bixio di Imprenord, rimasto in sospeso dopo la pandemia e successivamente ceduto ad una nuova società, la Carver Real Estate, che ha realizzato Bixio Porta Venezia.

Qui di seguito due immagini del vecchio edificio prima della demolizione e durante la demolizione.

Anche se il nuovo edificio realizzato con il “nuovo stile tradizionale” si integra perfettamente col contesto, fatto per la maggior parte di palazzi di inizio Ottocento e primo Novecento, ha perso la sua originaria forma, ma sopratutto ha ora tre balconi molto ampi in facciata, oltre al sopralzo a vetrata che sicuramente per i “puristi” non sarà particolarmente apprezzata. Ad ogni modo il risultato finale è apprezzabile. Il cortile forse è un po’ piccolo è completamente moderno e dotato di ampie terrazze (purtroppo non siamo riusciti ad avere foto).

Milano – Porta Venezia – Via Nino Bixio, 17 >>> BIXIO PORTA VENEZIA (aka LE CORTI DI BIXIO) (nella mappa Urbanfile codice: PTV3)
proprietario/committente: (Real Estate srl)

vedi anche: (Carver Real Estate) (residenziale) (nuova costruzione) (PT + 5 piani)

CARTELLO 2

  • progettista/DL: (arch. Paolo Montorfano @ MoMoLab Architettura)
  • calcolatore statico: (ing. Francesco Ferrari Da Grado @ SBF – Studio Brambilla Ferrari)
  • RS: (ing. Carlo Valtolina @ Studio Archemi srl)
  • impresa: (Prema Costruzioni srl – Bergamo, BG)
  • Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi
  • Porta Venezia, Porta Monforte, Zona Risorgimento, Via Nino Bixio, Via Kramer, Beretta Associati, Monache Benedettine Adoratrici Perpetue del Santissimo Sacramento, Via Bellotti,
Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

13 commenti su “Milano | Porta Venezia – Completato via Bixio 17, ricostruito in stile (più o meno)”

  1. Perche’ il volume superiore e’ aggettante
    rispetto al filo facciata ?!

    Ma perche farsi male cosi?

    Se non sei un maestro nella composizione cerca di volare basso e operare scelte semplici!

    Rispondi
  2. Assolutamente a favore di questa riqualificazione, la colpa è del comune che non fa chiarezza o pone indicazioni specifiche e approva scempi, orrori, brutture come questa!

    10 minuti di applausi agli uffici comunali !

    Rispondi
  3. intervento stomachevole, questi non hanno la minima contezza di cosa voglia dire ricostruire in stile.
    Inutile infierire sulla sovrintendenza i cui danni arrecati alla città sono incalcolabili.

    Rispondi
  4. Provinciale e privo di qualsiasi grazia. E ovviamente in totale contrasto con le facciate circostanti, nonostante il fronte parzialmente ‘in stile’. Non si capisce soprattutto perché rifare tutto da capo, una scelta molto distruttiva e di maggior dispendio ambientale.

    Ormai c’è da chiedersi quale sia il livello di preparazione degli studi d’architettura che si occupano di questi progetti. La mancanza totale di gusto per la forma e di logica di integrazione indica, a mio avviso, un approccio sommario (tutto volto al profitto) e veramente improvvisato. Con degli interventi del genere, sempre più comuni a Milano, ci si trova davvero costretti a passare al conservatorismo più rigido (della serie ‘vi prego, non toccate l’edificio, lasciatelo esattamente così com’è’).

    Rispondi
  5. Sinceramente avrei preferito un recupero nel rispetto dell’originale.
    Se proprio dovete fare questi esperimenti fateli sul nuovo, non su edifici che raccontano la storia della città.
    Ravviso in questa tendenza una certa arroganza degli architetti, oltre che una certa ignoranza degli amministratori preposti alla valutazione.
    Povera Milano….

    Rispondi

Lascia un commento