"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – Inaugurata la statua dedicata a Boscovich

2017-02-13_Porta_Venezia_Planetario_Statua_Boscovich_1

Da oggi l’opera impreziosisce l’area vicino al Planetario. Assessori Maran e Del Corno: “Lieti di questo omaggio, Boscovich scienziato che a Milano ha dato molto”

Un dono che arriva da lontano. La  statua dedicata a Ruggiero Boscovich  da questa mattina si trova ai Giardini Montanelli, come espressamente richiesto dal Ministero della Cultura di Croazia,  la Città di Zagabria e la Comunità Croata di Milano, che con questa offerta hanno voluto rendere omaggio allo scienziato vissuto,  morto e sepolto a Milano. L’inaugurazione si è tenuta alla presenza degli assessori Pierfrancesco Maran (Urbanistica, Verde e Agricoltura) e Filippo Del Corno (Cultura) e del Sindaco di Zagabria Milan Bandic.

Risale al 1992 l’atto con cui il Consiglio Comunale accettava formalmente la donazione dell’opera da parte del comitato di donazione Ivan Mestrovic-Ruger Boscovic. Oggi, dopo una lunga trafila burocratica, la scultura realizzata dal Maestro Ivan Mestrovi? , copia fedele dell’opera che si trova a Zagabria, è arrivata a Milano.

2017-02-13_Porta_Venezia_Planetario_Statua_Boscovich_2

“Accogliamo questo dono con gratitudine – sottolineano gli assessori Maran e Del Corno -. Boscovich incarna la figura di un intellettuale europeo che ha vissuto buona parte della sua vita a Milano, contribuendo ad arricchire la vita culturale cittadina soprattutto grazie al suo impegno per la nascita dell’osservatorio astronomico di Brera.  Siamo quindi lieti che la statua sia finalmente giunta a impreziosire i giardini Montanelli e che si trovi proprio nei pressi di un ‘teatro’ della scienza e dell’astronomia come il Planetario”.

 

Soddisfatto il Sindaco di Zagabria Milan Bandic: “Lasciamo in eredità ai cittadini di Milano, di tutta l’Italia, dell’Europa e del mondo questo grande personaggio. Credo che la sua forza, la grandezza e la sua personalità espressa dalla magnifica opera d’arte di Mestrovi? saranno riconosciute da tutti i visitatori del parco Indro Montanelli. L’impegno e la volontà di tutti i partecipanti di questo progetto, dopo quasi 30 anni, hanno portato alla posa di questo magnifico monumento. Ringrazio tutti, in particolare la città di Milano, per aver reso omaggio a Boscovich, che vivrà per sempre nei nostri cuori”.

2017-02-13_Porta_Venezia_Planetario_Statua_Boscovich_11

La scultura è un’opera a tutto tondo in bronzo dell’altezza di 280 cm e rappresenta lo scienziato in posizione seduta, pensante, mentre appoggia il braccio sinistro su di un globo, simbolo della scienza. La statua ha una larghezza di 160 cm e una profondità di 185 cm. Il nuovo basamento, realizzato dall’Amministrazione in calcestruzzo e lastre di granito nero, rappresenta in modo fedele quello dell’opera originale.

 

La donazione da parte della Croazia, di Zagabria e dei Croati di Milano e Lombardia comprende il trasporto e la posa dell’opera, oltre al collaudo e alla manutenzione ordinaria e straordinaria del monumento per 20 anni.

 

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


8 thoughts on “Milano | Porta Venezia – Inaugurata la statua dedicata a Boscovich

  1. Cristiano Pambianchi

    Salve. L’opera non è una copia. E’ originale. Veda lei se correggere, di questo abbiamo già parlato. Saluti.

    1. Cristiano Pambianchi

      Più sicuri di così c’è chi conosce tutta la storia e le vicende. Il fatto che ci sia una statua identica a Zagabria, non fa di questa una copia, visto che esistono uguali esemplari, uno a Zagabria, uno ora a Milano. In ogni caso, sempre ad onor del vero, nella parte posteriore della statua (schiena) può trovare impresso il timbro ufficiale che ne attesta l’originalità. Dato certo e inconfutabile, può trovarlo nel comunicato ufficiale reso a Zagabria il 3 febbraio 2017, presenti anche la famiglia dello scultore croato Mestrovic. Credo sia importante per un sito che si occupa di urbanistica, copia e originale sono cose ben diverse. Tutti possiamo sbagliare.

      1. Anonimo

        Veneziano, Serbo o Croato che fosse, ci credo che Boscovich è venuto a vivere e lavorare a Milano: se dalle sue parti a Ragusa erano tutti così pedanti… 🙂

      2. Claudio K

        Scusi ma sono proprio questioni di lana caprina.

        Può darsi che non sia una “copia” in senso strettamente tecnico, se non è stata fatta a partire da un calco, ma non c’è dubbio che da sempre, nell’arte e nella storia dell’arte, quando un’opera ne riproduce in maniera identica una preesistente, anche se si deve all’azione dell’artista e non a un metodo di riproduzione, la di definisce una copia.

        Ad esempio le riproduzioni romane in marmo di statue greche vengono definite “copie”, anche se venivano realizzate da provetti scultori.

        Che questa statua sia identica a quella preesistente a Zagabria è stato detto in tutte le salse, quindi in questo senso è senz’ombra di dubbio una copia.

        1. Cristiano Pambianchi

          ? Lana caprina? Secondo lei originale o copia o imitazione e’ la stessa cosa? Davvero? La statua non e’ una copia di quella di Zagabria, e’ una fusione in bronzo ORIGINALE dello scultore Ivan Mestrovic. E’ stato dichiarato ufficialmente da chi l’ha compro’ a suo tempo, indicato nella press release, e’ impresso nella pietra e nel basamento della statua. Gravissimo che un blog che si occupa di architettura e urbanistica finga di non sapere la differenza tra originale e copia. Cosi’ come e’ grave fare i giornalisti senza verificare le fonti, deve esistere una corrispondenza tra i fatti descritti e la verita’ degli stessi, e certo non ci puo’ fermare a guardare 1 sito magari dichiaratamente di parte e acritico in tutti i suoi commenti.

  2. robertoq

    Ruggiero Boscovich è morto il 13 febbraio. Quindi oggi ricorre il 230 anniversario. Credo che la statua sia stata inaugurata proprio oggi in segno di rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.