"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Isola – Ripresi i lavori al cantiere del “Rasoio”

Finalmente il mostro dell’Isola è tornato a vibrare. A dire il vero è già da alcune settimane che operai stanno spostando oggetti e ripulendo le aree per intervenire, ma da qualche giorno il cantiere si è rianimato alla grande con la rimozione delle parti inutili per le modifiche apportate nel nuovo progetto curato dal nuovo proprietario Unipol Sai.

Il palazzone che troneggia su Porta Nuova, venne realizzato nella sua parte strutturale, lasciandolo incompiuto già nel 2010. La struttura è composta da due volumi: uno alto e massiccio di 14 piani, caratterizzato da una lunga balconatura continua, coperta in seguito dalla struttura vetrata a “coperta” che tanto avrebbe caratterizzato l’immobile; e da un corpo basso allineato a via Confalonieri.

Come abbiamo visto il palazzone, ribattezzato già da subito col nomignolo di “Rasoio” vista la forma del vecchio rivestimento che pareva la testina di un rasoio elettrivco, è rimasto per molti anni bloccato a causa dei problemi finanziari e di giustizia del vecchio costruttore.

Ora sarà completamente riqualificato e completato secondo un progetto del gruppo CMR.

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


6 thoughts on “Milano | Isola – Ripresi i lavori al cantiere del “Rasoio”

  1. Davide

    Se viene rivestito bene, potrebbe persino risultare belloccio.
    Abbatterlo non avrebbe senso…nella zona il verde abbonderà e se ci danno dentro in un anno potrebbe essere finito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.