"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Darsena, dopo otto anni ci siamo!

Otto anni di querelle legale tra la società che avrebbe dovuto realizzare 713 box sotterranei e il Comune. L’ultimo verdetto è arrivato dal Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso presentato da Progetto Darsena SpA e condannato i costruttori «al risarcimento dei danni e delle spese processuali per una cifra complessiva di circa 80mila euro».
Entro la fine dell’anno sarà pubblicato il bando di gara per riqualificare l’antico porto e a marzo prenderà il via il cantiere.
Ecco per sommi capi la storia infinita del maxiparcheggio voluto sotto l’acqua della Darsena e che mai ha visto la luce. Voluto dalla giunta Albertini nel 2004, dopo cinque anni di stop e ricorsi, tra scavi iniziati e ritrovamenti archeologici il degrado ebbe la meglio sul bacino d’acqua e Letizia Moratti (allora sindaco della città) decise di revocare la concessione per il parcheggio definendolo una «ferita per la città». Quindi entrarono in gioco gli avvocati mentre i costruttori si ribellarono alla scelta. Lo scorso ottobre, il TAR ha dato ragione al Comune ma Progetto Darsena SpA si è appellata al Consiglio di Stato per annullare la sentenza. Dulcis in fundo si sono aggiunti i gestori del locale in testa alla Darsena, il Bobino, i quali hanno contestato il mancato rinnovo del contratto scaduto a giugno. Il TAR ha respinto pure quest’ennesimo ricorso. Entro il 2015 l’area tra Porta Genova e Porta Ticinese sarà trasformata e riportata a uno stato degno del luogo, in tempo per EXPO.

Speriamo in bene.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.