"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Opinioni sulla M5

Opere che servono e opere inutili: che dire della M5 appena inaugurata? Onestamente non sono un grande frequentatore di quella zona della città, ci vado raramente, pertanto il mio giudizio è dettato da sensazioni e da poche certezze. Anzitutto, mi chiedo se fosse necessaria una linea della Metro da quelle parti, o meglio, sulla direttrice Zara – Fulvio Testi; anche perché anni fa fecero una tramvia nuova che porta fino a Cinisello Balsamo e corre in un percorso dedicato. Magari sarebbe stato più utile il percorso lungo il vicino viale Sarca.

Per quanto riguarda i treni, automatici e molto belli, non c’è molto da dire. Per quanto riguarda il design delle stazioni, che ha fatto discutere non poco il mondo del web e non solo, ho trovato molte persone perplesse per le scelte effettuate in sede di realizzazione.
L’uso dei marmi rossi a terra a parer mio non è sbagliato; in fin dei conti le pavimentazioni devono durare nel tempo, così come i rivestimenti delle pareti in pietra beige. La cosa che meno mi convince è il colore amaranto usato per le ringhiere e le porte che fa troppo contrasto col lilla scelto come colore della linea. Per giunta ho notato che in molti punti pare sia stato verniciato sul posto a pennello, anziché verniciato a fuoco come di solito avviene per le parti metalliche. Altra cosa che ho trovato poco adatta sono le balaustre biancastre: sembrano poco tecnologiche, più un rimedio poco costoso che una scelta di design.
La scarsa attenzione all’estetica però trova il suo apice nelle uscite esterne, in particolare le tettoie in vetro e metallo a copertura delle scale mobili. Pare che anche qui il design sia stato affidato ad un dilettante, forse per contenere i costi; ma il risultato è decisamente poco consono a una città che si vanta di essere la capitale mondiale del design. 
Per fortuna treni e tecnologia sono così superiori che riescono a migliorare la percezione della M5. Mi rimane un dubbio: quando verrà aperta la fermata di San Siro, con le migliaia di utenti che dovrà accogliere, banchine così piccole e vagoncini stretti reggeranno il grande afflusso?




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.