"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Tagliamo questi alberi!

In Via Mac Mahon ci sono gli alberi da tagliare. Non intendo da potare. Proprio da tagliare, eliminare, sradicare.
La loro colpa è che sono di una specie che ha radici superficiali molto forti che mettono a rischio l’integrità dell’infrastruttura tramviaria e quindi dei tram stessi, perciò andranno sostituiti. «Il tram 12 è un’infrastruttura strategica a cui non possiamo rinunciare», precisa l’assessore Pierfrancesco Maran. Almeno 70 olmi, i più sani e resistenti, saranno sradicati e trapiantati poco distante. I restanti, i fusti più malandati, saranno azzerati e sostituiti con nuove specie sulla via. In più, per «compensare» il disboscamento in Mac Mahon, il Comune pianterà 700 nuovi alberi in tutta Milano.
Le proteste ci sono state, come era ben prevedibile. Gridando: «Si fermi immediatamente il progetto e si studi una soluzione alternativa», tipo «trasformare il parterre centrale in una corsia ciclabile e supplire ai tram con i bus». Replica Maran: «Siamo amareggiati, ma l’unico modo per salvare la linea Atm è una ristrutturazione pesante». L’operazione costerà tra i 5 e i 7 milioni di euro.
Non è più il Mac Mahon della Gilda di Testori, ma è pur sempre una stagione di dolori e tradimenti. I cittadini si sentono «derubati», o peggio, «truffati». Il Comune tiene nel cassetto un’ipotesi B e un piano C, «meno invasivi» ma più costosi: per dire, il dibattito non è chiuso. La certezza è che gli olmi, siberiani e infestanti, intralciano le corse dei tram. Le nuove piante selezionate dal Comune sarebbero locali, autoctone; agronomi e botanici le definiscono persino «riqualificanti».

Liberamente adattato dal Corriere della Sera



Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.