"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Risorgimento – Piazzale Dateo: non sarebbe stato meglio lasciare a verde?

Quando una decina di anni fa venne rifatta la piazza, oltre alla riqualificazione del verde, si pensò di intervenire sull’arredo urbano. Vennero create due fontane, una al centro della piazza e l’altra sopra l’accesso ai box sotterranei. Dopo anni, ecco cosa è successo: l’acqua non scorre più in nessuna delle due fontane, i marmi sono imbrattati da scritte e sono rotti in molti punti. Il verde è invece ben tenuto. Mi chiedo se allora non sia meglio, in certi luoghi, lasciare tutto a verde? Ci sarebbe quantomeno un minor spreco di soldi. Perché istallare opere d’arte  o fontane se poi vengono lasciate al loro destino?
Le condizioni della fontana centrale
Il verde ben curato
La fontana centrale

La fontana sopra l’accesso al garage sotterraneo

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.