"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Tre Torri – Buone notizie per CityLife

Una piccola rivoluzione al vertice di Citylife, dà un nuovo impulso all’intero progetto e lo mette al sicuro da possibili cambi di rotta. Generali, che faceva parte del gruppo di aziende che vinsero il concorso per ridisegnare l’area della Fiera, rileva il 33% in mano ad Allianz e diventa socio unico della società. La compagnia assicurativa di Francoforte, invece, comprerà la Torre di Arata Isozaki (il Dritto) e una parte dalla componente residenziale del progetto per 367 milioni di euro. Le due torri sono destinate a contenere i dipendenti delle due società

Nel frattempo sono iniziati i lavori preliminari per lo Storto di Zaha Hadid, che vedrà la luce nel 2016 e che sarà seguito a breve dal Curvo di Daniel Libeskind, per il quale la gara verrà bandita nella primavera del 2014.

Continuano i lavori per la parte residenziale, anche se con una recente delibera del Comune, i lavori potranno essere “spalmati” fino al 2023.

E se da una parte è stato cancellato il Museo d’Arte Contemporanea (probabilmente sostituito da un ben più banale e modesto “giardino delle Sculture”) sono previsti a breve forti investimenti sul Palazzo delle Scintille – ristrutturato da Pierluigi Cerri – e per il quale è in fase di definizione il suo destino in termini di utilizzo.

 



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.