"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Darsena – Ultimi ritocchi al Mercato

Domani dovrebbe essere la data di apertura per il mercato coperto di Porta Ticinese. Siamo passati e gli operai stavano collocando le griglie di chiusura per proteggere il mercato, intanto i negozianti stavano allestendo i loro spazi vendita. Abbiamo dato un’occhiata anche al chiosco del pescivendolo.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


2 thoughts on “Zona Darsena – Ultimi ritocchi al Mercato

  1. buonsenso

    Alcuni si lamentano del nuovo chiosco della pescheria.Lo chiamano mostro,obbrobrio…Strano risveglio estetico per gli abitanti del quartiere che non si lamentano di vivere in case lerce di spray e hanno avuto il mercato coperto da anni pieno di scarabocchi fino all’inverosimile.Mai che abbiano protestato.Comunque stiano tranquilli .In capo a un paio di mesi i nuovi manufatti saranno completamente lerci di spray così gli abitanti si ritroveranno nella sporcizia che è loro tanto familiare e saranno tutti contenti di essere nuovamente nello schifo.

  2. aldobrando

    Non credo sia lo spray il vero problema della zona, ed il grosso della sporcizia mi pare giunga più dalla maleducazione di chi la invade, piuttosto che da segni di vernice su un muro.
    Accetto il suo invito comunque, e starò tranquillo. Anzi contraccambio di cuore: non venga qui a cercare solidarietà il giorno in cui magari al posto della piccola edicola sotto casa si troverà un edificio dalla volumetria triplicata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.