"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Zona Risorgimento – Una piazza parcheggio senza nome e senza alberi

In zona Risorgimento, le vie Sottocorno, Melloni e Mameli incrociandosi formano una piazzetta senza nome.

A prescindere dal fatto che sarebbe bello se questa piazza acquistasse dignità venendo intitolata a qualcuno, ci siamo chiesti perché nell’intervento di parecchi anni fa non sia stata contemplata la piantumazione di alberi per rendere questo angolo più umano, specie durante la calura estiva. Non si tratta di eliminare i parcheggi, ma sarebbe bastato piantare quattro alberi, magari platani, perché una volta diventati grandi darebbero più respiro alla piazza senza nome.

Sotto il nostro fotomontaggio con quattro alberi che renderebbero meno triste questa piazzetta.

2016-04-24_Sottocorno_Melloni_1 2016-04-24_Sottocorno_Melloni_1B 2016-04-24_Sottocorno_Melloni_2 2016-04-24_Sottocorno_Melloni_3 2016-04-24_Sottocorno_Melloni_4

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


4 thoughts on “Milano | Zona Risorgimento – Una piazza parcheggio senza nome e senza alberi

  1. robertoq

    Se contiamo le auto, sono circa 30 posti auto per residenti (strisce gialle) più due per carico/scarico, e a occhio e croce dalla dimensione e tipo auto sembrerebbe plausibile ipotizzare siano in buona parte seconde o terze auto (mogli/figli).

    In quelle vie abitano qualche migliaio di persone, mi domando se è maggiore l’interesse pubblico ad avere un parchetto con alberi e giochi per bambini o quello di 30 residenti a non investire dei soldi in un box privato (che si potrebbe fare sotto magari…)

  2. CM

    pienamente condivisibile: tra l’altro questo è un esempio che richiama il difficile tema dei coordinamenti tra diversi interventi, dato che, nonostante sia uno singolo, sembra realizzato da mani diverse….

  3. Massy982

    Giusto conciliare parcheggi e verde pubblico in modo decoroso. La città ha bisogno di parcheggi (non troppi e non sulle radici degli alberi) ma anche di verde. Trovare il giusto equilibrio è complicato ma è giusto provarci. 0 parcheggi e tutto verde non è la soluzione. L’inverso men che meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.