"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Ticinese – Arco imbrattato, ma non siete stufi?

Non solo l’Arco della Pace da ormai più di un anno ha sui suoi bei muri bianchi gli scarabocchi dei “bimbiminkia” con le loro stupide firme, ma anche l’arco neoclassico del Cagnola di Porta Ticinese.

Qui alcune scritte oramai festeggiano il secondo o terzo compleanno senza che Soprintendenza o il Comune di Milano provvedano a rimuoverle. Il bello è che se per caso ci andassimo noi per ripulirle verremmo sicuramente multati. Ma perché le autorità competenti non rimediano a questi scempi? Perché la battaglia contro gli imbrattamuri dev’essere vinta da loro? Una manciata di ragazzini che non sanno cosa fare se non inzozzare la nostra città?

L’unica soluzione è una pulizia tempestiva e multe tremendamente salate, così, forse agli imbrattamuri passerà la voglia di lerciare la città con stupide tag senza senso.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


14 thoughts on “Milano | Porta Ticinese – Arco imbrattato, ma non siete stufi?

  1. Stefano

    Tra l’altro si tratta di una zona verosimilmente ad alta densità di telecamere, ma MAI una volta, come peraltro nella vicina Darsena, che sia concesso dare un nome e cognomen a questi co…ni.
    Molto strano…

  2. Walter D.

    Scusate,ma invece di cantarcela e di suonarcela tra di noi perchè non inviate le foto al Nucleo Decoro Urbano di via Custodi?C’è Serpe che è in fase di identificazione ed altri.Poi inviate queste foto al sindaco.sala@comune.milano.it Piantiamola di scrivere speriamo qui ,speriamo là…Sono trent’anni che leggiamo queste cose…

    1. Adriano

      Io non conosco personalmente le persone che pubblicano su urbanfile, ma credo che tutte queste immagini le abbiano già inviate all’assessore o al sindaco…
      Il problema è che il nucleo di intervento rapido sui monumenti probabilmente non può operare direttamente e quindi perdono tempo…solite minchiate burocratiche italiane…basterebbe spiegare a chi fa quel mestiere come pulire e come preservare i monumenti, magari fargli un corso, così poi potrebbero operare in autonomia senza aspettare la soprintendenza…

  3. Padania Libera

    Fin quando ci sono personaggi come Pisapia, Maran e il manichino sala, non si va da nessuna parte, ci vuole il bastone chiodato, oramai il meridione garibaldino ha infettato tutta la Padania assieme ai nuovi garibaldini africani…..

    1. Walter D.

      Non c’entra niente il meridione garibaldino!!(vengono anche dall’estero a imbrattare).Mentre può veramente esserci una “collusione” della nostra amministrazione con la fauna dei graffitari .Infatti questi soggetti pseudoartisti o artisti vengono coccolati,c’è una storia di commistione con il Comune e non dimentichiamo che c’è sempre lo sciagurato detto che i gli artisti di aerosol art nascono come taggari e che questi ultimi sono da proteggere perchè potrebbero diventare famosi .Non ne usciamo più ,signori.A meno di provare a cambiare giunta.Ma mi sembra che con la Moratti le cose non andassero meglio(Qualcosa però fece e c’era AMSA che puliva ,poi il tutto si bloccò con Pisapia).

      1. Piero

        Purtroppo qualcosa di vero in quel che dici, c’e’.
        Speriamo di trovare un po’ di sano realismo ed uscire da questa (lercia) situazione

      2. Anonimo

        Quando si vuole si possono otenere risultati. Sotto la giunta PISAPIA, partì una campagna di protezione dei treni della metro. Aumentarono le difese dei depositi, alzarono le sanzioni e fecero causa ai graffittari arrestati. Nessuna immaginaria “collusione”.
        Oggi il 99% dei treni della metro sono PULITI, a differenza di quando c’erano i sindaci leghisti, che non sappero risolvere il problema (ci provarono?) e sfilavano treni lerci dentro e fuori.

      1. iono

        ma voi del Nord date sempre la colpa a noi meridionali? ci sono molti graffiti a Milano perché è piena di figli di papà nordici che fanno i radical chic!! cafoni made in padania!!

  4. Pierre

    Secondo a me a Milano mancano i vigli urbani. Quelli che lavorano seriamente. Davanti a casa mia (zona Corvetto) la gente fa quello che vuole. Sosta selvaggia spaventosa, sporcizia, bidoni pieni, imbrattamenti senza nessuno che lo impedisce. Senza presenza di vigili urbani la vedo dura. E poi non capisco perchè è così difficile a multare gli incivili. Dobbiamo sempre pagare noi per chi sporca, imbratta e se ne frega delle regole??? O dobbiamo sempre accettare di tutto???

  5. -Ale-

    Capisco che si presuma che se ci sono più vigili avremo meno scarabocchi… e forse un po’ è vero, ma non è sostenibile che per ogni monumento abbiamo ogni notte le pattuglie che vigilano.
    A fare uno scarabocchi servono pochissimi istanti… alla fine ci riescono se vogliono.

    Cancellare subito.
    In Darsena periodicamante fanno la loro pisciatina di vernice, ma poi vengono cancellati in poco tempo e alla fine la Darsena ha sempre meno attacchi e non è pasticciata.

    L’Arco della Pace è rimasto immacolato per anni, poi 4 ragazzini

    Cancellare subito!

    1. esse

      Cancellare subito è senza dubbio l’intervento ex post da fare subito, ancor prima di esaminare i filmati. Come deterrente ex ante, metterei una (bella) cancellata in ferro battuto attorno al perimetro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.