"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Volta – Cantiere Parcheggio via Bramante e via Niccolini: gennaio 22020

A Porta Volta, in Piazzale Cimitero Monumentale, finalmente sono giunte le alberature nel giardinetto creato sopra il parcheggio sotterraneo realizzato dopo anni di lavori, tra via Bramante e via Niccolini.

Uno dei più lunghi cantieri aperti in questi anni, è senza alcun dubbio questo del parcheggio ipogeo in costruzione in via Bramante. Infatti i lavori di scavo, cominciati nel 2014, si arrestarono per diversi anni, dando l’impressione che ci saremmo trovati un “buco nero” nella zona per ancora chissà quanto tempo, e così è stato.

Per fortuna i lavori sono ripartiti alla grande nel luglio del 2017, dopo oltre due anni il cantiere è giunto quasi a conclusione. Da diverse settimane sono in corso i lavori per sistemare il giardino di superficie. Come si vede, sono state piantate diverse piante e operai stanno sistemando le pietre dei percorsi pedonali.

Sperando che poi, la situazione parcheggio selvaggio della piazza sia risolta e che non si vedano più simili abitudini sui marciapiedi del Piazzale Cimitero Monumentale angolo via Procaccini.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


18 thoughts on “Milano | Porta Volta – Cantiere Parcheggio via Bramante e via Niccolini: gennaio 22020

  1. Anonimo

    Perché pagare per mettere l’auto sottoterra quando gratis in superficie si può parcheggiare senza problemi, alla faccia di pedoni e pista ciclabile? Se non metteranno dissuasori e non inizieranno seriamente a multare o meglio, a rimuovere con carro attrezzi, avremo il parcheggio sotterraneo sottoutilizzato e in superficie il solito caos.

      1. Anonimo

        A di là del caso specifico, è così che funziona a Milano.

        Perché io ipotetico pendolare motorizzato dovrei pagare 25-30 euro di parcheggio TUTTI I GIORNI quando me la posso cavare con 28, massimo 56 euro la settimana di multa per divieto di sosta?

        Rispetto ai 125-150 euro settimanali di parcheggio ci guadagno comunque, mi conviene rischiare la multa.

        1. bravotipo

          esatto: vedo finalmente qualcuno che ragiona.
          a casa mia i pendolari non prendono mai la multa (8-18). MAI
          arrivano quelli dei locali alla sera (20-24)? MAI.
          hai una finestra per parcheggiare, poi ciao.
          al contrario: la metto io nella sottozona di fianco (50 metri da casa, però) e non la sposto: multa secca.
          moltissime anche sbagliate: non LEGGONO il simbolo sul vetro.
          mi fa bestemmiare sta cosa.
          odio gli ausiliari e i vigili.

  2. Anonimo

    Dobbiamo multare seriamente gli incivili. Tante zone sono davvero devastate dalla sosta selvaggia. Io credo che si debba avere molto più coraggio. Auto = degrado & inquinamento. Perchè non cambiare davvero?

    1. Bernardo

      Perfettamente d’accordo, eccetto che sul “dobbiamo”. Chi deve farlo sono i vigili: noi cittadini possiamo limitarci a chiamarli, pur sapendo che tanto non arrivano.

    2. Anonimo

      Hai presente quant’è una multa per divieto di sosta?

      per un pendolare che viene a Milano tutti i giorni, anche se ne prendesse una alla settimana (cosa improbabile in molte zone) costerebbe sempre infinitamente meno che un parcheggio a pagamento tutti i giorni.

      E multare tutti è impossibile, ci vorrebbero vigili e ausiliari della sosta ad ogni angolo e in ogni momento.

      L’unica sono gli ostacoli fisici, paletti, dissuasori, chiamateli come volete. Se anche in Paesi con molto più senso civico del nostro, come in Nordeuropa, ci sono paletti dappertutto, un motivo ci sarà, no?

      1. Anonimo

        In realtà servono entrambe le cose.
        Sia la certezza della pena (ossia le multe e le rimozioni forzate) che i dissuasori. Che poi è quel che veramente succede nel mitologico “nord europa”.

      2. Anonimo

        Sistemi automatici rilevazione sosta selvaggia, multe da triplicare e rimozione forzata. Come nel resto del mondo. E il “problema” Milano parcheggio si risolve in 1 mese.

      3. Wf

        Ti amo.
        🤣🤣🤣🤣

        Finalmente ve ne state accorgendo.
        Allora qualcosa può cambiare veramente in questa città.

        Il dissuasore è la chiave di volta.

          1. Wf

            Scusa.
            Mi riferivo ad anonimo delle 11.57.

            Il senso della mia posizione è sempre quello li.
            👍

            Un carro attrezzi non fa primavera.
            Un dissuasore è per sempre

  3. Anonimo

    E comunque quel condominio resterà negli annali dell’architettura milanese come una delle più brutte realizzazioni degli ultimi anni.

  4. Anonimo

    …e con l’occasione nel giardinetto festeggiamo il modello di lampione diverso n. 4.547 sulle strade milanesi.

    Abacooooooooo…. dove sei?????????????

  5. bis bald

    ce ne vorrebbero tanti di parcheggi cosi in città.

    speriamo che METTANO MANO anche alla ciclabile lato scuro che passa a fianco al futuro museo del design.

    comunque bel lavoro!

  6. Wf

    Perché la gente parcheggia a Milano sui marciapiedi e dovunque si vede nelle foto?
    Perché lo può fare.

    Fine piccola storia triste

  7. bravotipo

    però scusate al MONUMENTALE hanno CANCELLATO un parcheggio SOLO perché NON SAPEVANO GESTIRE IL PROBLEMA DEI CINESI che lo utilizzavano per carico e scarico.
    QUESTO NON può ESSERE CONDONATO al COMUNE.
    NO.
    è come asportare un organo invece di curarlo.
    ci sono migliaia di parenti dei morti al monumentale (inclusi i miei) e come cazzo ci vanno a trovarli? la automobile se la mettono nel c**?
    eddai.
    Al monumentale il COMUNE HA SBAGLIATO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.