"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cinque Vie – Cantiere Via Zecca Vecchia: settembre 2020

Piccolo aggiornamento dal cantiere di via Zecca Vecchia nella zona delle Cinque Vie nel Centro Storico, area delicata dove sorgeva l’antico Foro romano e dove sono in corso ancora le indagini archeologiche del caso prima di poter costruire il nuovo edificio ricettivo che cambierà volto al quartiere, compresa piazza Santo Sepolcro.

Il progetto è sviluppato da Rimond.

Qui la storia dell’area e una nostra vecchia proposta.

Dal cantiere, ancora in fase di bonifiche, sono emersi delle tracce di vecchi edifici, con ogni probabilità facenti parte delle cantine dei vecchi palazzi demoliti negli anni Trenta per realizzare le nuove costruzioni mai portate a termine e sostituite successivamente dal garage Sanremo sorto frettolosamente per occupare l’area, ma forse (speriamo) anche qualche resto dell’antica Mediolanum.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


2 thoughts on “Milano | Cinque Vie – Cantiere Via Zecca Vecchia: settembre 2020

  1. Northeastern

    vedo dai rendering (foto 16) che a Milano non ce la facciamo proprio a mettere dei lampioni decenti e coerenti con il contesto, nemmeno nei luoghi di maggiore pregio e con più storia della città…

    Qualcuno dovrebbe spiegare ai tecnici del comune che piazza S. Sepolcro non è il parcheggio dell’area di servizio di Cascina Gobba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.