"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Volta – Piazzale Lega Lombarda: sciatteria e parcheggio selvaggio

Piazza Lega Lombarda, come tutte le piazze che si trovano la dove vi erano porte e portelli nelle mura dei bastioni, come purtroppo abbiamo più volte detto e ribadito allo sfinimento, si trova nella totale sciatteria.

Parcheggio selvaggio ovunque sia possibile e arredo urbano inesistente, questi sono i due maggiori problemi di questa piazza. Piazza che fra l’altro si estende sino a diventare piazzale Biancamano da un lato e dall’altro si allunga sino a viale Elvezia.

Lo spartitraffico centrale è, come si vede, un parcheggio senza ordine e nella totale anarchia.

Disordine lasciato in questo stato persino dal Comune, che fatica a mantenere ordine e pulizia.

In compenso l’altro “isolotto” pedonale, quello verso via Montello, anni fa venne misteriosamente preservato dal parcheggio selvaggio grazie a paracarri in pietra che rendono il parcheggio impossibile. Possibile che il Comune non riesca a chiudere entrambi gli isolotti e, magari, togliendo il catrame e sistemando il calcestre (la pavimentazione bianca usata nel Parco Sempione).

Disordine che potrebbe venire eliminato anche nella piazza verso viale Elvezia e Carlo Maria Maggi. Piazza che in questo punto potrebbe diventare una bella area pedonale coi tavolini esterni dei locali, porta d’accesso tra il quartiere di Brera e quello di Chinatown.

Volevamo comunque far notare come, il privato, in questo caso il negozio di design Antonio Lupi, abbia ridisegnato l’arredo urbano davanti al proprio negozio, una bella fioriera con tanto di panchina.

Ultimo intervento, prima del Lockdown a causa della pandemia da Covid19 è stato il ridisegno della fermata dei tram prima dell’imbocco con viale Montello.

Insomma, come sempre, basterebbe veramente poco per avere spazi urbani adeguati e dignitosi, sopratutto in questo periodo storico dove, pare, si stia scommettendo all’essere umano nello spazio urbano, piuttosto che l’automobile nello spazio urbano.


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


22 thoughts on “Milano | Porta Volta – Piazzale Lega Lombarda: sciatteria e parcheggio selvaggio

  1. Anonimo

    quella piazza è unoi scempio da tutti i punti di vista. anche le pista ciclabile che arriva da parco sempione lì sparisce in mezzo al caos totale.

  2. ..

    perchè non lanciate qualche idea (rendering) sulla gestione dei parcheggi a Milano? visto che tra poco si voterà qualche politico disponibile a raccogliere l’idea magari si trova. Grazie.

    1. Anonimo

      Per quanto riguarda i parcheggi di superficie la risposta è semplice (al di là dei parcheggi interrati, che sono un capitolo a parte), :

      ridurre la carreggiata in tutte le vie residenziali dove è possibile farlo e risistemare i parcheggi a spina di pesce su almeno un lato. è la norma in centro-nord Europa. E man mano che una zona viene sistemata, rendere impossibile con dissuasori il parcheggio selvaggio su viali e piazze.

      Al tempo della Moratti avevano iniziato a farlo in alcune zone, ad esempio nella zona delle casette a schiera al Casoretto, poi inspiegabilmente hanno smesso

    2. Andrea

      Quelli che vedi nella foto non sono parcheggi da gestire ma soste vietate da eliminare. Quella è tutta gente che ha comperato l’auto senza minimamente preoccuparsi di dove parcheggiarla.

      Non penseremo mica che gli abitanti di via Moscova non possano permettersi un box o l’affitto di un garage? Molto spesso su quegli spartitraffico si vedono parcheggiate delle auto che costano di più del box stesso.

      1. ..

        Hai ragione. Io mi riferivo più in generale al problema dei parcheggi sui marciapiedi che è indecoroso e – specie quando piove- rende la situazione insostenibile. Magari mi sbaglio, ma credo che con delle idee semplici si possa migliorare sensibilmente l’arredo urbano di queste aree. cosa ne pensate?

        1. Andrea

          Sono d’accordo con te, solo che la risistemazione di alcune piazze è un intervento molto costoso e non banale.

          Gia in Piazza Castello il comune si sta trovando in difficoltà, eppure è una semplice piazza pedonale. Piazza Lega Lombarda e piazzale Biancamano invece sono anche frequentate da auto e mezzi pubblici. Non è semplice prevedere una riorganizzazione degli spazi che non sia una banale installazione di parigine e dissuasori. Quelle isole di traffico, piazzate così in mezzo alle carreggiate non potrebbero avere altra funzione che quella di parcheggi abusivi (o di dormitori per senza tetto). Bisognerebbe ridisegnare gli spazi buttando nel cestino ciò che è stato fatto decenni fa, quando l’ottica era quella di aumentare il traffico il più possibile perché si credeva che desse benefici all’economia.

          1. Anonimo

            mettere dei dissuasori non è affatto costoso ed è assolutamente banale.

            il problema è che a milano la lobby dei parcheggiatori selvaggi (volutamente non dico automobilisti perché non tutti sono menefreghisti) è intoccabile

            chi tocca muore (politicamente parlando)

      2. Anonimo

        “Soste vietate da eliminare”, forse meglio dire impedire con dissuasori o da multare giustamente, perfetto, ma prima devi fare uno straccio di piano parcheggi .
        E poi come fai a sapere che i proprietari di quelle auto posteggiate sullo spartitraffico sono abitanti di via della Moscova? (“della”, tra l’altro) e non sporadici automobilisti provenienti da altre zone?
        Per quanto riguarda i box dovresti sapere che come in tantissime altre zone di
        Milano nei condomini di costruzione meno recente sono rarissimi e introvabili anche se si fosse disposti pagarli quanto una Ferrari.

        1. Andrea

          Lo so perché se fossero persone che provengono da altre zone avrebbero preso la metropolitana o la bicicletta o il tram o l’autobus o il car sharing o il taxi.

          Per quanto riguarda gli abitanti del quartiere io penso che se uno voglia acquistare un auto si debba preoccupare anche di dove parcheggiarla, se non riesce a trovare parcheggio le cose sono due: o vende l’auto o cambia casa.

          I quartieri car free sono più ricercati oltre ad essere più sostenibili.

          1. Anonimo

            ci sono città al mondo (es. Tokyo) dove se vuoi acquistare una macchina devi prima dimostrare di avere un posto dove metterla

          2. Anonimo

            Hai ragione @Andrea, io non potevo vendere l’auto perché ne ho bisogno per lavoro, quindi ho dovuto svendere il mio appartamento in Via della Moscova angolo S.Marco perché non trovavo parcheggio e mi sono trasferito a Muggiò dove ho un bel parcheggio proprio sottocasa.
            Ah, tra l’altro quella Golf nella foto posteggiata sullo spartitraffico di piazzale Biancamano è quella del mio ex vicino di casa, e anche l’Audi grigia è di uno che conosco e che abita al 52 sempre di via della Moscova, ma tu come facevi a saperlo?

        2. Bernardo

          A 200 metri da lì, in Via Legnano, ci sono due enormi parcheggi sotterranei (più o meno sotto la scuola tedesca) con tantissimi box vuoti. Solo che non hanno molta richiesta perchè per accedervi bisogna entrare in Area C, e quindi rimangono vuoti. Tra questi c’è anche lil mio, 6 metri per 4 metri. prezzo modico, astenersi perditempo.

          1. Andy

            Credo che tua moglie lo usi per incontrare il suo amichetto di scuola.
            Prima di venderlo, lavalo e disinfettalo

    3. Ilario

      Salve a tutti, ho visto con interesse le vs segnalazioni parcheggi selvaggi nei quartieri in particolare il mio P.ta Volta/ Lega Lombarda. Mi interesso e sono ben conosciuto nel quartiere ( presente anche in alcune associazioni anche sportive) da piu’ di quarant’anni ; partecipando /manifestando
      al progetto spazio per correre( ora pista ciclabile ) ed altri spazi attorno al parco Sempione. Purtroppo Il Comune, l’Amsa , Vigili Urbani dovrebbero collaborare di più per
      migliorare la situazione del senso civico della zona ( bici, segnaletiche, cartelli abbandonati in strada, parcheggi/ soste dei furbetti ecc..) Io avrei anche delle soluzioni …saluti

    1. Andy

      Caro Wf, queste foto sono da terzo mondo perché i mentecstti come te non vogliono i parcheggi.
      Usando la tua testa di minchia, per eliminare i capelli spettinati bisogna tagliarli a zero. Io invece dico di lavarli e pettinarli. E magari raccoglierli.
      Ora sta’ zitto, scemo dell Pd

      1. Wf

        Cvd.

        Ecco un perfetto esempio di cittadino Specchio del degrado mentale e civile .. corrente con il degrado di questi luoghi

        Niente da stupirsi

  3. Giovanni

    Tema molto caro ai lettori, giá ampiamente affrontato con spunti interessanti nell’articolo su Piazzale Bacone di recente.

    Ripropongo una cosa.
    Per chi fosse curioso a quello che dicono i numeri e non le sensazioni. Sul sito del comune c’é un file (DS721_parco veicoli circolanti) con il numero di veicoli divisi per tipologia, circolanti dal 2004 al 2018 (immagino si tratti del comune, purtroppo non ci sono informazioni sulla metodologia di conteggio).
    Autovetture nel 2004 = 739.000
    Autovetture 2018 = 693.000 (-46.000)
    Motocicli 2004 = 115.000
    Motocicli 2018 = 169.500 (+54.000)
    Andate a guardarvelo. Il trend é costante ogni anno, della serie: le automobili diminuiscono in modo naturale (ben prima delle politiche attualmente in uso) eppure il problema parcheggi e la circolazione peggiorano anziché migliorare?
    Abbiamo spostato il problema dalle auto ai motorini?
    Su cosa ci stiamo accanendo e cosa/come stiamo affrontando la realtá?

    Che ne pensate?
    Saluti
    Gio

  4. Albe

    L’intervento di piazzale bacone prevede l’eliminazione dei posti “irregolari” ma tollerati e la riduzione dei posti regolari.
    Appurare le necessità minime dei residenti (1 posto per appartamento) e degli esercizi non mi sembra una bestemmia.
    Togli i posti irregolari ed AUMENTI magari in numero non uguale quelli regolari, altrimenti continui ad impallare e non migliori.
    La siepe lupi per me è equivalente ad un posto auto rubato, non mi pare disegnata nel contesto, mi pare appropriazione di suolo pubblico mascherato da aiuola per non far mettere l’auto a qualcuno e far vedere l’insegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.