"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | San Cristoforo – Via Pestalozzi 18… Village Navigli a rischio crac

Quante volte siamo passati in questi anni dal cantiere aperto di via Pestalozzi 18 a San Cristoforo. Quante volte abbiamo notato che dopo la demolizione, avvenuta nel 2017, del vecchio stabile sede dell’istituto ENFAP (Ente Nazionale per la Formazione e Addestramento Professionale), in disuso da anni, il cantiere era partito alla grande, con i primi scavi delle fondazioni dopo le demolizioni e poi, più nulla.

Il progetto, firmato dall’archistar Cino Zucchi, prevedeva la realizzazione di 5 palazzine sviluppate all’interno del grande e profondo lotto per un complesso residenziale molto bello, Urban Village Navigli.

Si trattava di una grande iniziativa di cohousing, un modello nato nel Nord Europa basato su abitazioni private a basso impatto energetico con ampi spazi e servizi condivisi da nuclei familiari legati dalla stessa filosofia di vita.

Nel 2020 il cantiere si è fermato completamente per dissesto finanziario della società, lasciando spiazzate un centinaio di famiglie che avevano versato complessivamente più di quattro milioni di euro di caparra sui futuri appartamenti e che non sanno più che fine abbiano fatto i loro soldi.

L’obiettivo di Newcoh, società di servizi con general manager Marco Bolis, che con la stessa formula aveva già promosso Cohousing Chiaravalle e COventidue in corso XXII Marzo (dove sono in corso alcune cause), era raccogliere fondi per far partire il progetto.

Urban Village Navigli, società guidata dallo stesso Bolis, secondo gli impegni avrebbe dovuto rilevare il terreno con
rogito a luglio 2020 ma al momento di chiudere non aveva il finanziamento bancario necessario. Per rompere lo stallo decine di famiglie guidate dallo studio legale Pedersoli hanno presentato istanza di fallimento. Due mesi fa, altro colpo di scena: Bnp Paribas Reim cede il ramo d’azienda (con il terreno) a Torre sgr. Un soggetto nuovo in campo.

Interpellato dal Corriere della Sera, si difende Bolis: «Urban village Navigli ha chiesto sul bene una trascrizione pregiudizievole (rendendo di fatto il proprietario del terreno impossibilitato a disporne, ndr) e citato in giudizio Bnp Paribas Reim che a sua volta ha tirato in causa Torre sgr — dice —. Stiamo cercando una soluzione, a fine aprile presenteremo una proposta di concordato. Quanto a Cino Zucchi, doveva solo ottenere il permesso di costruire, gli esecutivi li curerà qualcun altro». Zucchi non vuole scendere in polemica ma sottolinea: «Il mio nome è stato usato per vendere il progetto».
Ora le famiglie chiedono aiuto: «L’unica modalità per vedere realizzato il progetto a condizioni non distanti da quelle sottoscritte anni fa è affidarlo a una cooperativa, per questo abbiamo preso contatto con una grande realtà
(secondo fonti, il Consorzio cooperative lavoratori guidato da Alessandro Maggioni, ndr). Sosteneteci — scrivono i promissari acquirenti —. Stiamo parlando di progetti di vita, non di soli denari, e della fatica che molti di noi
stanno facendo per cercare di ripianificare il proprio futuro. Quello che avrebbe dovuto iniziare l’estate scorsa con il sogno di via Pestalozzi».

San Cristoforo, Via Pestalozzi, Village Navigli, Cino Zucchi,


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | San Cristoforo – Via Pestalozzi 18… Village Navigli a rischio crac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.