"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Casoretto/Città Studi – Riqualificazione di Via Ampère: giugno 2021

Riqualificazione praticamente ultimata per via Ampère, lunga arteria di piccole dimensioni che partendo da Città Studi , termina al Casoretto, proprio di fronte all’antica Abbazia.

Come avevamo già detto, vedere via Ampère riqualificata, con le automobili parcheggiate in linea e non più a cavallo dei marciapiedi, i fori per gli alberi finalmente realizzati a dovere, mi riempie di gioia e speranza (direte che mi basta poco, ma è così). Una bella strada alberata che torna in regola dopo anni di anarchia e disordine.

Nelle settimane scorse il cantiere è stato smontato e la via è nuovamente degna da esser vista e vissuta anche per un semplice passeggio.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi

via Ampère, Città Studi, Casoretto,Arredo Urbano, Alberi, Parcheggio, Mercato

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Casoretto/Città Studi – Riqualificazione di Via Ampère: giugno 2021

  1. L.T.A.

    In effetti, come dite voi, dopo decenni di abbandono totale in molte parti della città di accontentiamo di poco. Sicuramente è meglio di prima, ma rispetto alle città europee siamo ancora a livello substandard.

    In una città europea “normale” (penso ad esempio a Barcellona) per valorizzare una via di discreto pregio architettonico come questa i marciapiedi sarebbero pavimentati e ci sarebbe un arredo urbano decente, a cominciare dai lampioni. E qualcuno ogni tanto cancellerebbe i graffiti.

  2. Anonimo

    Questa non è una riqualificazione, è semplice manutenzione.
    Non hanno nemmeno rimosso gli archetti anni 80 (foto 13).

  3. Anonimo

    Spero che il dislivello sia basso così che si possa comunque parcheggiare sul marciapiede perché in quella zona è davvero difficile trovare posti.

    1. Wf

      Bel pensiero di merda.

      Adesso avete capito con quale gente avete a che fare?

      E quanto l’unica soluzione sia mettere dissuasori o manufatti fisici per impedirgli di salire sul nuovo marciapiede…

      Non c’è storia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.